Passa ai contenuti principali

Chiudiamo le discoteche e torniamo alle feste in casa - di Gennaro Capodanno

Agli inizi degli anni sessanta, da adolescente ginnasiale che, in punta di piedi,  muoveva i primi passi nell'austero plesso scolastico che ospitava il liceo Sannazaro di Napoli, gli unici divertimenti, peraltro rari, al di fuori dell'impegno scolastico erano i cosiddetti "balletti", feste organizzate in casa di compagni di classe, per lo più in occasione di qualche ricorrenza e nei fine settimana. Iniziavano intorno alle 18 per finire prima delle 21, perché allora imperava il motto: "E dopo Carosello tutti a nanna". Per noi ragazzi i genitori disponevano una contenuta paghetta settimanale o, addirittura, mensile, con la quale al massimo potevi comprarti il gelato o i fumetti di Topolino, Cucciolo o Tiramolla che era il mio preferito.  E' passato poco più di mezzo secolo e quel mondo è totalmente scomparso, sostituito da fiumi di droga e di alcool, da concerti e discoteche, da soldi che i genitori elargiscono in grande quantità ai propri figli, incentivando un mercato che oramai punta tutto ed esclusivamente su fasce d'età che vanno dai 10 ai 18 anni, praticamente sui minorenni. Ogni tanto, qualche tragedia, come quest'ultima di Corinaldo, ci riporta a una ben triste realtà, con morti o feriti, ma poi dopo qualche giorno l'accaduto viene dimenticato e tutto ritorna come prima, fino alla prossima disgrazia, quando ricomincerà il consueto rituale, anche degli impegni e delle promesse, che sistematicamente non verranno mantenuti. Le soluzioni ci sono ma evidentemente non si vogliono adottare. Accenno ad alcune. Innanzitutto chiudiamo tutte indistintamente le discoteche, oramai sappiamo bene cosa accade in questi luoghi, frequentati dai nostri ragazzi. Ripristiniamo le feste in casa, controllate con discrezione dagli adulti. Vietiamo i concerti in tutti i luoghi chiusi o privi dei requisiti di sicurezza. Tanto si è capito da tempo che gli organi preposti ai controlli, per varie ragioni, non riescono a svolgere appieno il loro ruolo. Chiudiamo, subito e immediatamente, i locali, i bar e, in generale, gli esercizi commerciali che vendono alcolici ai minorenni. Stronchiamo una volta e per sempre, con interventi mirati e continui, il traffico della droga che si spaccia tranquillamente anche sotto i plessi scolastici e in pieno giorno. Si facciano leggi che affrontino con determinazione il problema e che, tra l'altro, puniscano anche quei genitori che non svolgendo il proprio compito, funzionano oramai solo da bancomat per i propri figli. Ripristiniamo la funzione educativa della scuola che sembra per lo più essere diventata un contenitore vuoto, che elargisce solo nozioni. Iniziative drastiche dunque ma necessarie se si vuole invertire la rotta, evitando in futuro di piangere altre giovani vite, stroncate per sempre.
Gennaro Capodanno

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…