Passa ai contenuti principali

Una vita tra sport e studio - di Eleonora


Per noi ragazzi lo sport è molto importante, quasi a diventare uno stile di vita. Ma facendo sport agonistico, come si fa a gestire anche lo studio? Oggi vi parlerò della mia esperienza a  riguardo. Innanzitutto, ho dovuto scegliere se dare più importanza alla scuola o allo sport; io ho dato la precedenza allo sport, ma ovviamente continuo a studiare con attenzione ed impegno. Dando la precedenza all’attività fisica, vado ad allenarmi tutti i giorni per circa tre ore, ore nelle quali potrei riposarmi o approfondire lo studio.
Se si sceglie invece di dare la precedenza allo studio, sicuramente si salterà qualche allenamento, ma si eccellerà di più a scuola e si passerà più tempo con gli amici.
Sotto questo punto di vista,  non ho fortunatamente problemi perché, nonostante la stanchezza, riesco sempre a studiare ed a mantenere una media alta in tutte le materie.
Nel caso si trovi invece difficoltà, il mio consiglio è quello di avvantaggiare sempre i compiti e di trovare  un po’ di tempo per se stessi, anche se di sera: secondo me è importante, perché in quei momenti possiamo prendere fiato e allontanare lo stress della giornata. Un altro consiglio utile è essere sempre organizzati. Ad esempio, la mattina mi faccio un piccolo schema per vedere come gestire la giornata: ciò mi aiuta a stare più tranquilla, perché appunto, avendo un programma, ogni volta che finisco un’attività, so già cosa fare. In questo modo, non spreco tempo e ne risparmio di più per rilassarmi.
Ma la cosa più importante è  ricordare che,  se si vuole, si può fare tutto!
ELEONORA
CLASSE TERZA  A SCUOLA SINOPOLI FERRINI DI ROMA 

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.