Passa ai contenuti principali

La storia del giornale - di Gaia


Il grande desiderio e i tentativi da parte dell’ uomo di raccogliere e diffondere notizie risale a tempi antichissimi. Gli antichi Cinesi, detti anche pionieri, per oltre quindici secoli, ebbero una specie di gazzetta detta GIORNALE DEL CELESTE IMPERO. I Romani fecero importanti pubblicazioni per esempio: gli ANNALES MAXIMI, tavole esposte al pubblico dove i pontefici scrivevano, anno per anno, i fatti salienti accaduti nella Repubblica. Gli ACTA DIURNA erano altre pubblicazioni dove venivano esposti fatti politici e della cronaca urbana, che venivano diffusi nelle province e nei più lontani distaccamenti dell’ esercito.
In Europa, intorno al Quattrocento, nacquero pubblicazioni vendute al pubblico chiamate NOVELLE o AVVISI: erano raccolte di notizie che gli autori fornivano frequentando diversi ambienti, interrogando mercanti, pellegrini e soldati di ventura. I primi giornali periodici nacquero verso la fine del Cinquecento, dopo l’invenzione della stampa. I più antichi di questi fogli sono quadernetti di 4-8 pagine con una xilografia (tecnica di disegno, che consiste nell’ usare una tavoletta di legno come matrice) nella prima facciata e nelle altre il racconto, in prosa o in versi, di un solo fatto notevole: religioso, politico o mondano. A poco a poco, aumentando le pagine e la varietà degli argomenti, si narravano i grandi episodi delle guerre frequenti, si parlava di feste, di prodigi, di vicende misteriose.
Alla diffusione di queste novelle a stampa ci pensavano i corrieri postali, viaggiatori di professione, che a loro volta raccoglievano su fogli di viaggio le notizie che apprendevano di tappa in tappa. Ancora oggi molti quotidiani si chiamano “CORRIERE” (in Italia) e “POST” (nei paesi anglosassoni).Si arriva finalmente alla stampa periodica, ad esempio gli almanacchi ed i calendari, che uscivano anche a date fisse, soprattutto in occasione delle fiere. Nel Seicento, iniziarono i settimanali in vari Paesi d’ Europa, in Italia principalmente in Toscana ed in seguito a Roma, Rimini, Milano, Torino e Genova. La rivoluzione francese segnò una tappa importante nella storia del giornalismo europeo: la caduta della Bastiglia rimosse tutti i divieti alla stampa posti da diverse corti e le “gazzette” si moltiplicarono eccezionalmente, diventando strumento di lotta politica. Da questo momento, l’abitudine a leggere il giornale si consolidò e non svanì più.
GAIA
CLASSE TERZA  A SCUOLA SINOPOLI FERRINI DI ROMA 

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.