Passa ai contenuti principali

Il dubbio della scelta liceale - di Giulia e Camilla


Pensate che la scelta del liceo sia una decisione semplice? No, non è così: infatti questa decisione non è da sottovalutare ed i nostri professori ci hanno aiutato a capirlo. Ci hanno fatto comprendere quali sono i nostri punti di forza, i nostri punti di debolezza, ciò che ci interessa di più e ciò che ci interessa di meno. In questo modo ci hanno fornito un quadro generale su quale scuola superiore dovremmo frequentare. Il liceo si dovrebbe scegliere in base alle capacità e agli interessi dei singoli studenti. Un errore che non si dovrebbe mai compiere è quello di seguire gli amici ed iscriversi quindi in scuole che non sono adatte a noi: per esempio, nella nostra classe abbiamo stretto buoni rapporti e sappiamo che, anche andando in scuole differenti il prossimo anno, i legami rimarranno sempre gli stessi e continueremo a frequentarci. Oltre ai professori, anche tutta l’organizzazione della nostra scuola ci ha aiutato molto nella scelta del liceo: infatti, ci ha dato la possibilità di svolgere dei test di orientamento accuratamente preparati da diversi psicologi. Questi test aiutano gli studenti a capire quale scuola sia più idonea ai singoli ed inoltre mostrano a quale ambito lavorativo potrebbero aspirare gli alunni in futuro, in base alle loro attitudini ed alle loro competenze. Oltre ai test, la scuola ci ha offerto la possibilità di incontrare alcuni professori di alcuni licei di Roma, che ci hanno spiegato le caratteristiche principali delle loro scuole, illustrandoci in particolare le materie più importanti, soffermandosi poi su aspetti pratici come, per esempio, l’orario scolastico ed i diversi progetti culturali a cui le scuole aderiscono. Non meno importanti sono stati i suggerimenti sulle esperienze all’estero che ogni scuola porta avanti: infatti quasi tutti i licei aderiscono a progetti di studio con scuole estere, arrivando anche a simulazioni di riunioni ONU cui possono partecipare gli alunni. Riteniamo in conclusione che, fra tutte le varie attività che ci sono state proposte,  un ruolo fondamentale sia stato svolto dai professori, che con i loro consigli, estremamente mirati e precisi, ci sono stati molto d’aiuto e speriamo quindi di  aver fatto la scelta giusta.

GIULIA  E  CAMILLA

CLASSE TERZA  A SCUOLA SINOPOLI FERRINI DI ROMA 

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.