Passa ai contenuti principali

poesia di natale 2017

Gentile Redazione Le mando questa mia semplice poesia Veda se ritiene utile pubblicarla, grazie.

Poesia di Natale 2017

E’ bello il Natale, guardare la gente felice a ricordare, la ricorrenza della nascita di Gesù bambino da ammirare,

giornata meravigliosa, ci fa riscoprire il grande  e prezioso valore della vita da apprezzare.

E’ bello il Natale, vedere brillare la luce  nelle persone e con buona amicizia a festeggiare,

la stupenda felicità dei bambini, che si divertono con  tanta gioia nella neve a giocare.

E’ bello il Natale, osservare la magica atmosfera, la natura con i suoi fantastici colori,

trasmettono serenità nella gente, aiutano ad aprire le menti e i nostri cuori.

E’ bello il Natale, sentire nell’aria il  fruscio della neve, creando una dolce armonia e buon umore,

quella tranquillità, condizione giusta per donare e condividere felicità e amore.

E’ bello il Natale, offre l’opportunità di ascoltare le voci, di chi soffre  la sete e la fame, persone da amare,

chiedono di poter avere, un pezzo di pane e un bicchiere d’acqua per campare.

E’ bello il Natale, costatare che ci sono tante brave persone, con umiltà e sentita umanità,

portano con dolcezza, una carezza,  un bacio, un abbraccio, ai vecchi, ai bambini,e agli ammalati con generosità.

E’ bello il Natale, vedere tante persone buone, con gentilezza e impegno si assumono la responsabilità,

di compiere azioni, di solidarietà per i nostri tanti fratelli poveri ai margini della società.

E’ bello il Natale, vedere  l’entusiasmo  delle persone  che fanno parte  di tante associazioni di volontariato,

in silenzio portano avanti  con amore progetti, nel sociale per l’ambiente e per la vita, perché tutto sia salvaguardato.

La grande famiglia umana sulla nostra madre terra,sarebbe bello che si unisse in un grande abbraccio,

sotto l’albero dei diritti, diritto all’istruzione,  alla salute, alla pace e alla vita a scambiarsi,  un saluto e un bel bacio.

Questo è il più bell'obiettivo da raggiungere,  per  vedere con gioia l’amore trionfare,

allora sarà ogni giorno per tutti i cittadini del mondo, un bel Natale,  vedere in ogni cuore la serenità  a sbocciare.

Francesco lena Via Provinciale, 37

24060 Cenate Sopra ( Bergamo ) tel. 035956434

 

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…