Passa ai contenuti principali

Il clima questo sconosciuto - di Laura Alberico


Il caldo torrido di questi giorni ripropone una problematica conosciuta da molti ma sicuramente poco considerata come se l'ambiente fisico fosse solo uno scenario e un asettico contenitore delle vicende che riguardano l'intera collettività. Tuttavia una conoscenza più approfondita che riguarda la storia della specie umana ci suggerisce come il clima, dalle origini della vita fino al secolo scorso abbia subito cambiamenti radicali  che hanno influenzato l'adattamento e la sopravvivenza di intere popolazioni. Il mondo fisico, biologico e le comunità umane non sono compartimenti stagni ma interagiscono sempre influenzando gli equilibri reciproci e gli scambi energetici sui quali poggia l'intero sistema. Il periodo storico che stiamo attraversando, la tropicalizzazione con i fenomeni climatici, anche estremi, ai quali stiamo assistendo impongono a tutti una seria riflessione e una maggiore coscienza e conoscenza ambientale che possa aiutarci a valutare azioni, comportamenti sulla base della gestione delle risorse, come l'acqua, che crediamo inesauribili ma che con il passare del tempo , sono diventate un bene prezioso da utilizzare con parsimonia. Il ciclo naturale dell'acqua ormai è solo un ricordo che possiamo leggere sui testi scolastici, tutto è stravolto perché l'energia accumulata dall'intensa evaporazione dei bacini naturali provoca fenomeni improvvisi in cui la precipitazione e' talmente grande da provocare inondazioni alluvioni ecc. In queste condizioni l'acqua non riesce ad essere assorbita dal terreno e diventa una forza distruttrice che provoca i danni che tutti conosciamo. La prevenzione resta sempre l'unica scelta obbligata, essa  da sola non può  invertire i cicli naturali previsti dagli studiosi ,ma può aiutarci a guardare in un'ottica diversa le risorse che abbiamo a disposizione, magari con maggiore  educazione e conoscenza, per un uso consapevole e responsabile della loro gestione, in previsione di un progetto di vita futura in cui l'ambiente diventi realmente la casa che tutti abitiamo.
Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…