Passa ai contenuti principali

Aldo Bonet, Il Talete non detto da Platone. Alcune considerazioni a partire da un libro di Livio Rossetti

Aldo Bonet, Il Talete non detto da Platone. Alcune considerazioni a partire da un libro di Livio Rossetti, in Andrea Muni (a cura di), Platone nel pensiero moderno e contemporaneo, vol. VII, Limina Mentis Editore, Villasanta (MB), luglio 2016, capitolo 10, pp. 139-200 - pp. 245- ISBN: 978-88-99433-39-0.

https://www.academia.edu/31334907/IL_Talete_non_detto_da_Platone._Alcune_considerazioni_a_partire_da_un_libro_di_Livio_Rossetti 


Il lavoro è un confronto tra la mia ipotesi e l'ipotesi (errata e da me metodicamente criticata nel capitolo 10) di Livio Rossetti .

La mia ipotesi su come Talete riuscì a calcolare il numero divino (mediante il metodo indiretto della doppia eclissi da me ricostruito) è quella giusta poiché meglio integrata con tutte le testimonianze e anche perché nessuno prima ha riflettuto sul fatto che Talete fece una delle sue più grandi scoperte astronomiche quando ormai era assai vecchio ( come viene riferito da Apuleio nei Florida 18: Talete, quando ormai era assai vecchio, scoprì un divino teorema concernente il sole...) e, Diogene Laerzio, ci ricorda l'epigramma:

<< Assistendo un tempo a un ginnico agone, Zeus Elio, il sapiente Talete strappasti dallo stadio. È bene che tu l'abbia accolto: ormai vecchio, dalla terra non vedeva più le stelle>>

Quindi, Talete, quando era assai vecchio, poteva vedere ancora bene ( da vicino) l'allenamento di un ginnico agone ma non poteva più vedere nitidamente le cose lontane.

Se convergiamo queste due testimonianze ( Apuleio e Diogene Laerzio) possiamo capire che Talete fu, in tarda età, colpito da miopia senile eppure, riuscì a compiere ugualmente una delle sue più grandi scoperte:

quella del numero o rapporto divino ( 1/720 = 30' di grado = 0,5°) tra il diametro del sole ( o della luna) e la sua rispettiva orbita e, con uno scarto di errore di soli 2' di grado ! STRAORDINARIO PER L'EPOCA E PER LA VENERANDA ETA'.

In effetti, l'ampiezza angolare sole/luna sappiamo oggi ( con i nostri strumenti) che è pari a 32'. Per Talete, ciò fu possibile solo con l'applicazione di un metodo visivo indiretto ( quello da me ipotizzato e ricostruito) e ,mai e poi mai con un metodo diretto ( come propone Rossetti) che necessariamente punta visivamente verso il sole (o la luna ) e che Talete, ormai diventato vecchio e miope, poteva vederli solo in modo offuscato.


Aldo Bonet

Commenti

  1. Grazie mille professor Gaudio!

    Talete fu il primo nella Grecia arcaica che attraverso la sua divina scienza contribuì anche lui (a modo suo e con coraggio per quell'epoca) alla grande opera di spazzare via gli innumerevoli dèi con i quali erano immersi nella buia irrazionalità i popoli del suo tempo.

    a Talete sono attribuiti questi apoftegmi:


    L'essere più antico è Dio, perché non generato.

    Il più bello è il mondo, perché opera di Dio.

    Il più grande lo spazio, perché tutto comprende.

    Il più veloce l'intelletto, perché passa attraverso tutto.

    Il più forte la necessità, perché tutto domina.

    Il tempo è più saggio, perché scopre ogni cosa.


    Aldo Bonet

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Il canto dell’usignolo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto VII - ottave 32-37
Prima parte. Canti I-IV. La prima parte tratta dell’innamoramento di Venere e Adone. - Cupido, per vendetta, fa in modo che la madre si innamori di un mortale, Adone, approdato nell’isola di Cipro: dapprima Venere si innamora di lui vedendolo addormentato sulla spiaggia dove è approdato; in seguito Adone si innamora a sua volta di Venere, dopo aver curato una ferita alla gamba.   - Dopo l’innamoramento, tre personaggi, Cupido, Clizio e Mercurio si occupano dell’iniziazione di Adone, attraverso una lunga serie di esperienze estetiche. Seconda parte. Canti V-XI. In questo gruppo di canti viene descritta l’iniziazione di Adone.  - innanzitutto vi è l’iniziazione ai piaceri dei sensi: Adone viene condotto attraverso il giardino del piacere;  - quindi si passa alle delizie dell’intelletto e delle arti;  - infine Adone viene avviato alla scienza moderna; Al termine di queste esperienze Mercurio può celebrare il matrimonio tra Adone…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …