Passa ai contenuti principali

Un’elefantessa in cristalleria - di Enrico Maranzana

I dirigenti scolastici saranno valutati in base ai criteri elaborati dal Miur: un’articolazione della direttiva della ministra Giannini. I parametri sono stati confezionati in spregio al sistema di regole scolastiche e agli avanzamenti della scienza dell’amministrazione e della scienza dell’educazione.

Competenze gestionali ed organizzative finalizzate al raggiungimento dei risultati, correttezza, trasparenza, efficienza ed efficacia dell'azione dirigenziale
Le competenze, comportamenti esibiti quanto si affronta un compito, sono valutabili se, solamente se sono presenti gradi di libertà.
I dirigenti scolastici sono vincolati dalle norme: il modello organizzativo scolastico è definito nel TU 297/94, rigorosa applicazione della scienza dell’organizzazione.
Il legislatore ha riconosciuto la complessità dell’attività scolastica e l’ha progressivamente scomposta in sottoproblemi, nel rispetto della sua unitarietà. Ha attribuito a diversi attori specifiche responsabilità e ne ha precisato i compiti [CFR. in rete “Coraggio! Organizziamo le scuole”  e “Quale formazione per il dirigente scolastico?’”].

Il criterio valutativo ministeriale è frutto di uno dei tanti errori presenti nella legge 107/2015: l’inadeguata, obsoleta, inefficace struttura gerarchico – lineare avrebbe dovuto essere introdotta. Introduzione fallita perché il Piano Triennale dell’Offerta Formativa è soggetto all’approvazione del Consiglio di Circolo/Istituto.

La semplificazione d’una situazione complessa conduce alla sua banalizzazione.


Valorizzazione dell'impegno e dei meriti professionali del personale dell'istituto, sotto il profilo individuale e negli ambiti collegiali
La condizione necessaria per la valutazione del merito di un lavoratore è l’esistenza di un mansionario, documento che formalizza le comunicazioni che intercorrono tra i soggetti della struttura organizzativa.

Nei modelli organizzativi gerachico-lineari le prestazioni del lavoratore non sono oggettivamente soppesate.


Apprezzamento dell'operato all'interno della comunità professionale e sociale
La “customer satisfaction” non appartiene al mondo della scuola perché il servizio scolastico fluisce nell’alveo scientifico e tecnico.

Si tratta di un criterio che elude il modello organizzativo previsto dal legislatore che, per coinvolgere i genitori e gli studenti, ha attribuito loro una posizione privilegiata all’interno dell’organismo strategico.


Contributo al miglioramento del successo formativo e scolastico degli studenti e dei processi organizzativi e didattici, nell'ambito dei sistemi di autovalutazione, valutazione e rendicontazione sociale
La comparazione degli obiettivi programmati con i risultati ottenuti è il fondamento dei processi di valutazione.

L’assenza di un adeguato modello organizzativo, con i punti di controllo necessari al feed-back, toglie validità al criterio.

Direzione unitaria della scuola, promozione della partecipazione e della collaborazione tra le diverse componenti della comunità
La visione sistemica, la modellazione dell’organizzazione scolastica e del relativo sistema informativo, la pubblicazione del contenuto delle comunicazioni intercorrenti tra i diversi soggetti sono gli elementi che stimolano la partecipazione e la collaborazione; partecipazione e collaborazione scoraggiate dall’adesione a organismi/attività sterili, incapaci d’incidere sulla gestione scolastica.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…