Passa ai contenuti principali

Il mondo nuovo di Aldous Huxley


Il mondo nuovo di Aldous Huxley

                                                               Prof.
Luigi Gaudio      

RIASSUNTO

Il libro di Huxley
può apparire a prima vista una storia come altre, con momenti felici , altri
tristi, persone che litigano , che si odiano e che poi si amano. Ma dietro a
queste vicende si nascondono modi di pensare e problematiche legate al mondo
moderno e sicuramente a quello futuro. Proprio in questo sta il merito
dell’autore. Egli ha quindi usato le storie di Bernardo, di Lenina e del
Selvaggio, per mascherare le sue idee.

Le vicende sono
ambientate in una Londra futura e si aprono sul Centro d’Incubazione e di
Condizionamenti di Londra Centrale, dove un impiegato sta illustrando ad alcuni
studenti cosa avviene nei loro laboratori. Ogni sala è adibita ad un compito
preciso.In una si regola il flusso sanguigno in modo di caratterizzare a
piacimento l’individuo, in altre i bambini vengono costretti a odiare libri e
fiori e in altre ancora si forgiano nuovi operai.

In questo contesto ,
nasce la storia d’amore, se cosi possiamo chiamarla, tra Lenina e Bernardo, due
tecnici dei laboratori.

Bernardo non è
considerato del tutto normale dai suoi coetanei , perché ha comportamenti e
modi di fare inconsueti ,per quella particolare società, tipo lo stare da solo
o il giocare a golf. Dal canto suo, Lenina era una ragazza come le altre, che aveva
scelto di trascorrere le sue vacanze con Bernardo perché attirata dai suoi
atteggiamenti e poi perché lui era l’unico che con cui non era ancora stata
“fidanzata”.

Il loro viaggio lo
trascorsero alla Riserva dei selvaggi, dove alcune centinaia di uomini non
ancora contagiati dalla civiltà, vivevano tranquillamente. Proprio la loro
estraneità ai costumi e alle abitudini del mondo moderno inorridì Lenina. Se
lei non riusciva ad accettare la salute cagionevole, l’esistenza della figura
della madre e degli Dei, la sporcizia e l’età che avanzava, Bernardo , invece ,
osservava tutto con molta attenzione

Casualmente
incontrarono due selvaggi :madre e figlio.La donna confidò loro che in gioventù
si era smarrita all’interno della riserva durante una vacanza e che lì aveva
dato alla luce suo figlio. Il suo compagno di viaggio e padre del bambino si
dimostrò essere l’attuale superiore di Bernardo.

Questo ultimo era
molto affascinato dal modo dicomportarsi del ragazzo, John era il suo nome; lo
ammirava e vedeva in lui quegli ideali di libertà che aveva sempre ricercato.

Per questi motivi
decise di invitare nella sua residenza il Selvaggio e sua madre.Mentre Linda ,
questo era il suo nome, preferì ritornare alle sue vecchie abitudini, il
selvaggio, che invece si chiamava John , divenne un oggetto attrattivo per
quella società così schematica. Ciò diede anche una certa importanza a Bernardo
che si sentì rivalutato.

Ma a John tutto
questo non piaceva , preferiva ritirarsi in solitudine a leggere un libro, che
gli aveva regalato Linda, contenente i più importanti poemi mai scritti. Egli
si sentiva a suo agio solo con Bernardo ed Helmotz, un altro personaggio
dissidente verso quella società. Nonostante tutto erano “figli” di questa
società e ne erano condizionati(ad esempio Helmotz non concepisce il concetto
di madre).

Ad accentuare la sua
solitudine, Linda ,dopo giorni di agonia, morì ,perché non resse la smisurata
quantità di soma che si era iniettata. Il soma è sostanza da prendere a piccole
dosi ,che permette di distaccarsi dalla realtà e abbandonarsi nei propri sogni.



John ,disperato per la morte di Linda e divisosi dai suoi compagni, decide di
vivere come un eremita.

Segue regole molto
dure di vita e si procura da solo il cibo. Ma ben presto viene scoperto e
continuamente assediato da giornalisti ,interessati alla sua storia, e da
persone incuriosite dal suo modo di vivere, così diverso dal loro, obbligati a
essere felici.

PERSONAGGI

Bernardo: Bernardo è
un Alfa-Plus: con questa denominazione si indicavano le sue caratteristiche
fisiche e il suo impiego. Non è molto alto e snello in proporzione, segno
tipico delle caste inferiori, è di una bellezza soggettiva, ed è piuttosto
timido negli approcci con le donne. Vive solo, isolato dai suoi compagni di
lavoro al per il suo bizzarro modo di comportarsi, di voler vivere la sua vita,
libero da quella società. La sua stranezza sembra derivi dal fatto che quando
era ancora nel flacone, gli venne somministrata una dose eccessiva di alcool
nel suo surrogato sanguigno.

Questi suoi ideali
cerca di trasmetterli anche alla sua ragazza, che però non vuole capire.
Quando, però, incontra il Selvaggio si sente attratto dalla sua personalità e
decide di mostrargli gli aspetti positivi della civiltà, riacquistando una
certa popolarità. Si trova d’accordo con John su alcune questioni: ad esempio
sul fatto che quella società sia troppo infantile , troppo basata
sull’esteriorità, tutto a discapito dell’anima. Proprio quest’ultimo termine
non è comprensibile a Bernardo, che, nonostante tutto, vive in quel mondo e ne
è influenzato( ad esempio ricorre all’uso del soma).



































Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…