Passa ai contenuti principali

L’incapacità di governare la scuola - di Enrico Maranzana

L’introduzione della meritocrazia e del bonus ai docenti mette a nudo la confusione concettuale in cui vive l’istituzione scolastica.
Il problema del merito è decontestualllizzato.
Le relazioni che sostanziano la visione sistemica sono cestinate: un architrave della cultura contemporanea è demolito.

Il legislatore, come uno studente che non sa fare un compito, copia quanto avviene negli altri paesi.
Il Miur, ancorato alla tradizione, è sordo agli indirizzi innovativi presenti nelle leggi.
I dirigenti scolastici, appagati dall’erronea posizione loro assegnata nell’organigramma dalla legge 107, definiscono gli indirizzi generali perdendo di vista l’unitarietà del sistema scuola.
“Parcellizza e comanda” è il loro motto.
Sradicano l’insegnamento dal suo ambiente generativo: non esplicitano i traguardi della progettazione educativa, non esplicitano i traguardi della progettazione formativa, non esplicitano i traguardi della progettazione dell’istruzione. Non esplicitano l’oggetto del mandato conferito ai docenti: assurdo valutare prestazioni lavorative in assenza di mansionari.
I Consigli di Istituto approvano PTOF privi di linee strategiche.
I comitati di valutazione privilegiano la customer satisfaction all’oggettività.

Due suggerimenti per gestire razionalmente l’istituzione scolastica sono in rete:

“La scuola secundum legem et scietiam”; “La cultura informatica a servizio del PTOF”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.