Passa ai contenuti principali

Resurrezione - di Laura Alberico

“ Anima trafitta e chiodi infissi nel vento a fermare il volo di un gabbiano, cenere ancora calda nasconde la verità perduta. Tra il mare e la terra un solo confine: il cielo” ( L. Alberico)
Il  clima religioso di questi giorni suggerisce e indica come unica via di trasformazione profonda e intima  il cambiamento personale. Viviamo purtroppo in una società violenta, un tessuto sociale lacerato e consumato dalla perdita dei valori di riferimento, il buio che confonde razionalità e istinto e che, soprattutto per i giovani, diventa un percorso accidentato e pieno di vuoti esistenziali. Superficialità e apparenza, falsi miti da erigere a unici obiettivi delle relazioni interpersonali che diventano fragili e senza radici, un campo incolto dove la crescita equilibrata e serena è soffocata da erba infestante. Gli stimoli educativi, le figure genitoriali sono spesso assenti, non esistono più divieti che aiutano a orientare scelte e comportamenti, idee lasciate a macerare in un limbo di incomunicabilità e isolamento. Le agenzie educative deputate al compito della formazione, come la famiglia e la scuola, sembrano aver perso quella energia necessaria allo sviluppo di giovani riflessivi e in cerca di una autonomia adeguata per un progetto futuro di vita. Madri troppo deboli e accondiscendenti, padri spesso assenti nelle relazioni con i figli, figure sostitutive che catturano con interessi pericolosi  e devianti che hanno il solo scopo di annullare la razionalità, la capacità di discernere il bene dal male, il giusto dal suo opposto. Il caso limite del giovane massacrato da due amici diventa in questo panorama di violenza l’emblema di una società inaridita nei sentimenti, nell’empatia, priva di condivisione e di senso di appartenenza. La vita e la morte appaiono isole dimenticate, merci di scambio consumistico dove la violenza fine a se stessa è l’unico miraggio da raggiungere in una intricata giungla fatta di istinto  e sopraffazione. La cronaca ci propone spesso morti annunciate, traguardi di annientamento e di disimpegno morale che mietono vittime inconsapevoli  e sacrificali. L’uovo pasquale rappresenta il simbolo della rinascita, l’attesa di un evento di trasformazione e di consapevolezza, di gioia dopo il dolore e la sofferenza. Un simbolo non solo cattolico ma universale che ripropone a tutti la misura delle cose, l’essenza della vita che ritorna e che chiede di essere accolta e alimentata in un percorso di conoscenza costruttivo dove ognuno può e deve imparare il rispetto,  il dono che infonde misericordia, la Pasqua del ritorno alla vita, l’origine alla quale bisogna attingere la forza e il coraggio del cambiamento.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…