Passa ai contenuti principali

La pietà e' la legge principale, forse l'unica vera legge dell'esistenza umana - di Laura Alberico

La pietà e' la legge principale, forse l'unica vera legge dell'esistenza umana" ( Dostoevskij)
Il sentimento di pietas ha radici antiche, esprime compassione e condivisione della altrui sofferenza, vicinanza emotiva e rispetto della natura umana. Oggi, nella quotidianità e nelle vicende spesso presenti della cronaca, ci troviamo di fronte a fenomeni incomprensibili che razionalmente ed emotivamente non riusciamo a interpretare. Il comportamento e le azioni non sono supportate da quella che chiamano "alfabetizzazione emotiva" perché l'egocentrismo e il narcisismo hanno creato la frammentazione del tessuto sociale . I  giovani cercano il piacere immediato  e ,in questo spazio personale, chiuso ad ogni sollecitazione emotiva, l'intimità e il sentimento non rappresentano più valori condivisi. Se educare significa far emergere potenzialità, interessi, responsabilità, autonomia,  molti adulti non sono riusciti ad essere dei buoni educatori sostituendo il dialogo e la comunicazione con i beni materiali che hanno riempito figure genitoriali assenti e spesso distratte. L'educazione ai sentimenti si insegna e si impara fin da piccoli quando superficialità e buonismo creano isole di potere contaminate da consumismo e culto dell'apparenza, in un circuito vizioso di sfide e violenze rivolte verso se stessi e verso gli altri. La violenza gratuita che sembra dettare legge in un mondo disseminato di indifferenza e mancanza di valori essenziali ci induce a stendere un velo pietoso sul desiderio strisciante di morte, l'assenza e il vuoto, il miraggio di un deserto che tutto inaridisce e dove il significato della vita cambia ogni giorno colore e sbiadisce il vissuto esistenziale.l cambiamento e la metamorfosi sono obiettivi  prioritari, traguardi di sviluppo individuale e collettivo verso i quali investire le risorse educative, i punti di forza di una società civile che guarda al benessere psico-fisico come specchio di una crescita equilibrata e consapevole.
di Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…