Passa ai contenuti principali

La pietà e' la legge principale, forse l'unica vera legge dell'esistenza umana - di Laura Alberico

La pietà e' la legge principale, forse l'unica vera legge dell'esistenza umana" ( Dostoevskij)
Il sentimento di pietas ha radici antiche, esprime compassione e condivisione della altrui sofferenza, vicinanza emotiva e rispetto della natura umana. Oggi, nella quotidianità e nelle vicende spesso presenti della cronaca, ci troviamo di fronte a fenomeni incomprensibili che razionalmente ed emotivamente non riusciamo a interpretare. Il comportamento e le azioni non sono supportate da quella che chiamano "alfabetizzazione emotiva" perché l'egocentrismo e il narcisismo hanno creato la frammentazione del tessuto sociale . I  giovani cercano il piacere immediato  e ,in questo spazio personale, chiuso ad ogni sollecitazione emotiva, l'intimità e il sentimento non rappresentano più valori condivisi. Se educare significa far emergere potenzialità, interessi, responsabilità, autonomia,  molti adulti non sono riusciti ad essere dei buoni educatori sostituendo il dialogo e la comunicazione con i beni materiali che hanno riempito figure genitoriali assenti e spesso distratte. L'educazione ai sentimenti si insegna e si impara fin da piccoli quando superficialità e buonismo creano isole di potere contaminate da consumismo e culto dell'apparenza, in un circuito vizioso di sfide e violenze rivolte verso se stessi e verso gli altri. La violenza gratuita che sembra dettare legge in un mondo disseminato di indifferenza e mancanza di valori essenziali ci induce a stendere un velo pietoso sul desiderio strisciante di morte, l'assenza e il vuoto, il miraggio di un deserto che tutto inaridisce e dove il significato della vita cambia ogni giorno colore e sbiadisce il vissuto esistenziale.l cambiamento e la metamorfosi sono obiettivi  prioritari, traguardi di sviluppo individuale e collettivo verso i quali investire le risorse educative, i punti di forza di una società civile che guarda al benessere psico-fisico come specchio di una crescita equilibrata e consapevole.
di Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…