Passa ai contenuti principali

L’ideologia e la poetica di Gabriele D’Annunzio - di Carlo Zacco

Nazionalismo. Dal punto di vista ideologico D’annunzio propende sicuramente verso posizioni nazionalistiche;  ha preso chiaramente posizione a favore:

1)      dell’aggressiva politica di Crispi, sia sul piano interno (repressione dura di tutte le proteste), sia su quello esterno (impresa di Adua, Eritrea, fallita miseramente);
2)      dell’interventismo durante la I° guerra mondiale, e in seguito a favore di quella buffonata su Fiume;
3)      della guerra in Etiopia condotta, e vinta, da Mussolini nel 1935.
 - Esibizionismo. Ma non bisogna pensare che la sua adesione a idee nazionalistiche di destra sia di natura solamente politica/ideologica
 - a D’Annunzio la politica in sé interessa poco: quello che gli importa è la possibilità di adottare un determinato stile di comunicazione, fondato:
 - sull’esibizionismo;  
 - sul culto narcisistico del leader;
 - sulla possibilità di guidare le masse, influenzandone il giudizio da un punto di vista emotivo, più che razionale.
 - Populismo. C’è molto della moderna comunicazione politica: che punta alla cosiddetta «pancia», e fa leva su argomenti «populisti» pur di raccogliere un facile consenso a tutti i costi.
 - Atteggiamento filo-borghese. D’altra parte c’è anche un disprezzo per le masse popolari, che vanno appunto dominate, sia con l’uso «mediatico» della parola, sia con politiche economiche a favore delle classi superiori: l’alta borghesia. Da qui l’adesione alla politica imperialista, che era espressione dell’alta borghesia tardo-ottocentesca;
 - il disprezzo per le masse, porta quindi al disprezzo per la stessa democrazia e per le classi operaie.

Estetismo. Questo si collega alla sua concezione dell’arte, la quale a sua volta si identifica totalmente con la  bellezza;  ma nel caso di D’Annunzio, questa concezione ha caratteri ambivalenti:
1)      da un lato abbiamo visto che D’Annunzio si pone come ultimo Vate, erede di una tradizione umanistica, e terzo nella trafila dei moderni dopo Carducci e Pascoli;
- con tutte quelle connotazioni dell’intellettuale umanista, solitario, separato dalla società, dedito agli studi delle belle lettere;
2)      dall’altro lato si pone come un moderno esteta, fa di sé un mito di massa, cavalca le mode;  crea egli stesso delle mode.

Contraddizioni. Questo aspetto della personalità artistica di D’Annunzio ha un carattere anche paradossale e contraddittorio. La contraddizione sta nel fatto che:
a)      da un lato si pone come mito di massa, celebrato in quanto tale;
b)      dall’altro  come un genio superiore, al di sopra delle masse, con un atteggiamento aristocratica superiorità, e che disprezza la società dei consumi e la mercificazione dell’arte.

Come si risolve questa contraddizione? L’unico modo è far coincidere arte e vita, privato e pubblico. Facendo della propria vita uno spettacolo, e di se stesso oggetto di mercificazione.
 - esempio: dopo la pubblicazione della prima raccolta poetica (Primo Vere, 1879), D’Annunzio diffonde la notizia della propria morte, e raccoglie una serie di necrologi che lo esaltano come grande poeta;
 - L’arte e la vita coincidono: l’una è in funzione dell’altra.

La parola poetica. In questo processo di identificazione arte e vita, svolge ovviamente un ruolo fondamentale la parola, dato che D’Annunzio è un artista della parola:
 - per D’Annunzio viene a saltare lo scarto tra linguaggio quotidiano, e la lingua della poesia: la lingua parlata dal poeta, tutti i giorni, è lingua poetica, artefatta;
- la parola che è al di fuori di questo tipo di formalizzazione artistica è inutile;

La concezione della natura. Non solo non c’è mediazione, non c’è scarto tra la parola ordinaria e quella poetica, ma non c’è nemmeno scarto tra l’io del poeta e mondo esterno;
 - c’è una totale identificazione sia tra l’io e le cose, sia tra le cose stesse tra di loro: ogni cosa è anche un’altra, e rimanda all’altra;
- per questo la parola del poeta è in grado di ricreare la realtà, nel momento in cui viene pronunciata
 - per esprimere questa fusione tra l’io lirico e la realtà, e tra i vari elementi della realtà è ovviamente la sinestesia, usata in abbondanza da D’Annunzio.

Rapporto uomo natura. In questo modo, tramite la poesia, di fatto D’Annunzio ristabilisce un rapporto tra uomo e natura. Cioè ristabilisce quel rapporto che la nuova società industriale aveva spezzato;
 - è un modo per superare il divario tra civiltà moderna e natura, tra cultura e istino.

Il superomismo

Il mito del Superuomo. Altro aspetto dell’ideologia dannunziana è il superomismo, il mito del Superuomo:
 - l’idea del Superuomo nasce in D’Annunzio dopo la lettura, verso la fine dell’Ottocento, di Nietzsche: si tratta però di una lettura superficiale, dalla quale D’Annunzio trae alcune suggestioni, che lo postano a corroborare idee che aveva già in partenza, ad esempio:
a)      l’esaltazione della volontà di potenza;
b)      l’aspetto vitalistico;
c)       l’istinto alla lotta e al dominio sulle masse;
d)      l’elevazione del singolo uomo privilegiato al di sopra delle masse stesse;

L’arte. Dopo l’incontro con Nietzsche, l’arte per D’Annunzio diventa uno strumento di questo dominio ideologico sulle masse:
 - la parola del poeta-Vate deve servire a distruggere la meschinità e l’ipocrisia della democrazia borghese, allo scopo di difendere la bellezza: cosa che la massa non può capire né apprezzare;
 - a livello storico-politico questo pensiero si inserisce nelle complicate vicende storiche di fine secolo: dopo il fallimento delle imprese coloniali dell’epoca di Crispi, l’alta borghesia imperialista aveva bisogno di un’ideologia forte, basata sull’ordine sociale e sull’aggressività bellica (come esigenza di riscatto);
 - il Superuomo, nella cui persona si identificano arte e vita, sa imporsi sulle masse, sa manipolarle, sa creare miti e modelli di vita: l’uomo forte, inimitabile, invincibile (pensiamo a Mussolini, e ai miti che è riuscito a creare intorno alla sua persona);

La Donna. Il Superuomo dannunziano subordina tutto al progetto della propria affermazione, in primo luogo la donna, considerata come un oggetto di possesso da domare, da sottomettere alla propria volontà:
- tra mite la lussuria la donna  è in grado di avvincere e subordinare l’uomo a sé, e per questo è una forza che l’uomo deve domare e vincere, per imporre il proprio dominio sulla donna; 
 - questo porta anche ad atteggiamenti aggressivi nei confronti della donna;

Aspetto velleitario. Naturalmente in tutto ciò c’è un aspetto velleitario:
 - c’è una enorme sproporzione tra la grandiosità degli obiettivi che il Superuomo si pone, e l’effettiva possibilità di realizzarli, sicché la sicurezza dei personaggi dannunziani è sempre minata dall’ombra della sconfitta e del fallimento;
 - in tutti i romanzi e le opere d’Annunziane domina sempre un senso di annullamento totale e di morte, causato proprio da questo senso di onnipotenza dell’io, che naturalmente non può realizzarsi pienamente;
 - da qui anche gli aspetti più torbidi e morbosi dei suoi romanzi, ad esempio:
a)      L’Innocente. Qui si narra la vicenda che coinvolge Giuliana e suo marito Tullio: lei resta incinta a seguito di una relazione adulterina, e partorisce un figlio;
- Tullio la perdona e vorrebbe ripristinare il rapporto con lei, sbarazzandosi del bambino, che fa in modo di lasciare all’aria aperta durante una novena di Natale;
- dopo questo episodio l’innocente si ammala e muore; ma Tullio non riuscirà a recuperare la serenità;
b)      Vergini delle rocce. Qui invece si narra la storia di Claudio Cantelmo, un giovane esponente di un’antica famiglia nobile di origine provenzale;
- Claudio Cantelmo si mette in testa un progetto eroico e velleitario: eliminare gli effetti della rivoluzione francese del 1989, e riportare al potere l’oligarchia nobiliare;
 - a questo scopo vuole generare, in unione ad un’altra nobile famiglia (I Capece-Montaga) del regno delle due Sicilie, un figlio, che sarà poi messo a capo del nuovo Regno;
 - nella famiglia dei Capece-Montaga ci sono tre sorelle, vergini, e decide che una di loro sarà la madre di questo eroe eccezionale;
 - Claudio sceglie la più bella delle tre, ma questa rifiuta poiché non vuole deturpare il suo corpo con una gravidanza;
  - anche l’altra sorella rifiuta perché costretta ad assistere la madre folle, e lo esorta a provare con la terza;
 - Claudio deluso rinuncia al progetto.

Alcyone

Le Laudi. È il terzo libro delle Laudi: un progetto poetico che doveva includere, secondo le intenzioni del poeta, sette libri. Di questi ne vendono completati solo quattro: Maia, Elettra, Alcyone, e Merope. Alcyone è dunque il terzo della serie; 
 - i primi tre sono stati pubblicati tra il 1899 e il 1904, il quarto molti anni dopo, nel 1912.


Struttura. Il libro è diviso in cinque parti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…