Passa ai contenuti principali

Le forze del male nella Gerusalemme liberata

I musulmani, definiti pagani nel poema, sono contrapposti alle forze cristiane, sono le “armi rubelle” cioè gli eserciti ribelli a Dio. Tanto è vero che le potenze infernali, diavoli, demoni e maghi, soccorrono Gerusalemme e la difendono dall’assedio, così come Dio e gli Angeli vengono in aiuto del campo cristiano.
Eppure queste potenze sono descritte in modo spesso affascinante.
C’è un grande rispetto, ad esempio, per Solimano, il Sultano che alla fine dell’opera corre verso la morte, e Tasso sembra immedesimarsi in lui che scorge dall’alto delle mura l’assalto dei cristiani come un segno di un destino che incombe. In tutto il poema, del resto, Solimano incarna la grandezza straordinaria del male.
Un personaggio che affascina ancora di più è Armida, descritta in modo sensuale e seducente. A questo proposito, osserva qui sopra il quadro di Bellucci di "Rinaldo e Armida".
Inoltre, quando lei si lamenta dell’ allontanamento di Rinaldo, e si sdegna del suo tradimento, è comparabile a Didone nel quarto libro dell' Eneide.
Per tutto ciò, Tasso si chiede se per caso non contravvenga all’ortodossia cristiana e si autodenuncia all’inquisizione, ottenendone però una completa assoluzione da ogni colpa.
Secondo alcuni studi di psicanalisi applicata alla critica letteraria, questo sarebbe un modo per rimpiangere un’età di perduta libertà, in cui il fascino del “pagano” non era colpevolizzato (età del rinascimento) contrapposta all’età in cui Tasso si trova a vivere (età della controriforma).

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.