Passa ai contenuti principali

L’assiuolo da Myricae di Giovanni Pascoli - di Carlo Zacco

L’assiuolo è un uccello rapace simile al gufo e alla civetta; a livello popolare è anche chiamato Chiù, per il verso che emette, ed è comunemente ritenuto annunciatore di sventure e di morte.

 - Notturno. La scena è quella di un notturno lunare, descritto attraverso immagini e suoni, in modo impressionistico, cioè fatto di immagini giustapposte;
 - naturalmente in questo paesaggio c’è qualcosa che rimanda ad altro;
 - Situazione: il critico Gioanola suggerisce di immaginarsi una situazione in cui l’io lirico che all’alba si trova in uno stato di dormiveglia, e che appena fuori dalla finestra sente un assiuolo emettere il suo verso. Questo verso fa in modo che nella mente dell’io lirico vengano prodotte immagini via via più inquietanti. 
 - Struttura: in tutte e tre le strofe:   1° quart, immagini quiete/serene;   2° quart, immagini inquietanti.

 

 

 

 

5

 

 

 

 

 

10

 

 

 

 

15

 

 

 

 

 

20

 

 

 

 

Dov’era la luna? ché il cielo

notava in un’alba di perla,

ed ergersi il mandorlo e il melo

parevano a meglio vederla.

Venivano soffi di lampi

da un nero di nubi laggiù;

veniva una voce dai campi:

chiù . . .

 

Le stelle lucevano rare

tra mezzo alla nebbia di latte:

sentivo il cullare del mare,

sentivo un fru fru tra le fratte;

sentivo nel cuore un sussulto,

com’eco d’un grido che fu.

Sonava lontano il singulto:

chiù . . .

 

Su tutte le lucide vette

tremava un sospiro di vento:

squassavano le cavallette

finissimi sistri d’argento

(tintinni a invisibili porte

che forse non s’aprono più? . . .);

e c’era quel pianto di morte. . .

chiù . . .

I – La luna sta per sorgere (ancora non si vede); il cielo però è tutto pervaso dalla sua luce perlacea (e «nuota» in essa);

 - tutti gli elementi naturali sembrano attendere il manifestarsi della luna, come una presenza quasi divina, rasserenatrice;

Contrasto. Questo quadro idilliaco è però turbato dalla presenza di nuvole nere, presenti in un luogo indeterminato («laggiù);

 - quest’immagine introduce una imprecisata minaccia alla tranquillità;

 - queste immagini negative, si precisano nella «voce» dell’assiuolo;

 

II – Le stelle traspaiono nel biancore prodotto dalla luna che sta per sorgere;

 - si aggiungono dei suoni consolatori: il muoversi ritmico delle onde del mare; il fruscio dei cespugli;

Contrasto. Il fruscio richiama alla mente il ricordo di un «grido», inquietante e misterioso:

 - dopo questo riaffiorare della memoria il verso dell’assiuolo diventa un «singulto»;

 

III – la luce lunare colpisce le cime degli alberi (per questo «lucide»), che tremano mosse dal vento;

 - le cavallette emettono un suono simile a quello dei «sistri»: strumenti usati nell’antico Egitto nel culto misterico di Iside, come auspicio per la risurrezione dopo la morte;  ma con ogni probabilità le «porte» della morte non si apriranno più per l’io lirico (i cari morti non ritornano);

 - a questa consapevolezza risponde il verso dell’assiuolo, che ora è un «pianto di morte».


Il verso dell’assiuolo. I rumori notturni e il verso dell’assiuolo rievocano nella mente immagini dolorose;
 - in particolare il verso dell’animale, nelle sue tre apparizioni, va precisando via via la sua valenza simbolica, e richiama nella mente del poeta la sua tragedia personale;
 - Ma tutto questo non è detto chiaramente, in un discorso logico e consequenziale: è alluso, attraverso la giustapposizione di immagini.

Impressionismo. L’impressionismo viene dall’accostamento di immagini per analogia e non tramite legami logici espliciti, ad esempio:
 - «nuotava in un’alba di perla»: la luna sta per sorgere, e quindi è come un’alba  >  il cielo illuminato e sembra color di perla (diafana, lattiginosa);  >  il cielo è talmente pervaso da questo biancore che sembra nuotarci dentro;
 - tutti i passaggi intermedi saltano, e le due immagini estreme vengono condensate;
 - «nero di nubi»: non nubi nere: non si nomina l’oggetto ma la sua caratteristica, che conta per l’io lirico; con questo si accresce l’indefinitezza dell’immagine, e contemporaneamente la si carica di un valore simbolico. Simbolismo e Impressionismo sono strettamente legati.
 - il testo è zeppo di immagini del genere: «alba di perla», «soffi di lampi», «nebbia di latte», «cullare del mare», «sospiro di vento», «pianto di morte»;

Fonosimbolismo. All’effetto suggestivo del linguaggio analogico si aggiunge anche quello dei suoni, non solo evocati esplicitamente, ma anche riprodotti tramite onomatopee:
 - «fru fru tra le fratte»: onomatopea e allitterazione di fr richiama, ovviamente, il fruscio;
 - «finissimi sistri»: allitterazione di s e di ì richiamano il suono delle cavallette;
 - «tintinni invisibili»: allitterazione di ì;
Questi suoni hanno effetto fonosimbolico perché con la loro consistenza acustica richiamano simbolicamente altre immagini; in più: il semplice suono dell’onomatopea non è semantico, è a-logico.

Temporale
È collocata immediatamente dopo L’assiuolo nella sezione XII intitolata La campagna. È un esempio di tecnica impressionistica portata a livelli più estremi.
 
Un bubbolìo lontano. . .
Rosseggia l’orizzonte,
come affocato, a mare:
nero di pece, a monte,
stracci di nubi chiare:
tra il nero un casolare:
un’ala di gabbiano.
È una sequenza di immagini giustapposte:
 - Bubbolio: onomatopeico: è quel suono indistinto dei tuoni in lontananza;
 - Rosseggia: per i lampi;   
 - affocato: infuocato (dantismo);
 - nero di pece: verso la montagna si addensano nubi nere come la pece;
 - stracci di nubi: frammenti di nubi sono sparse per il resto del cielo;
 - ala di gabbiano: sul nero si staglia un casolare, che da lontano sembra un’ala di gabbiano.

Fonosimbolismo. La prima immagine è acustica, il bubbolio lontano: che si tratti di tuoni non viene detto, ed è lasciato all’intuizione del lettore;
 - il termine bubbolio inoltre è onomatopeico, ed è una forma di espressione pre-linguistica, pre-logica, che evoca più che dire;
Immagini visive. Seguono varie immagini visive giustapposte:
1)      l’orizzonte infuocato che rosseggia;
2)      le nuvole nere come la pece;
3)      i lacerti di nubi sparsi per il cielo;
4)      il casolare in lontananza.
Queste immagini evocano anch’esse qualcosa di cupo e minaccioso, e l’effetto allusivo è accresciuto da espressioni che indicano una collocazione spaziale indefinita (a mare, a monte, lontano).
Linguaggio analogico. Come esempio di linguaggio analogico si può prendere il casolare:
 - casolare e ala di gabbiano sono accomunati dal colore, dalla forma del tetto, e dal fatto di stagliarsi in lontananza sul cielo nero: due elementi molto lontani tra loro vengono accostati senza che sia  minimamente precisato il passaggio logico che presiede a tale accostamento. L’eliminazione dei legami logico-sintattici accresce il valore suggestivo (e misterioso) della parola.
Simbolismo. Il simbolismo qui è nei colori:
1)      rosso e nero evocano immagini negative, luttuose, di morte;
2)      il bianco invece evoca qualcosa di positivi, una sorta di speranza, anche per l’accostamento all’ala del gabbiano (e quindi al volo);

Chiaramente tutto ciò non è univoco, né convenzionalmente codificato: è un’ipotesi, suggerita. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…