Passa ai contenuti principali

Lampo Pascoli, Myricae - di Carlo Zacco

Il tuono
È una poesia gemella del Il lampo, compare nella raccolta immediatamente dopo, ed è ad essa collegata.

 

 

 

 

 

5

   E nella notte nera come il nulla,

 

a un tratto, col fragor d’arduo dirupo

che frana, il tuono rimbombò di schianto:

rimbombò, rimbalzò, rotolò cupo,

e tacque, e poi rimareggiò rinfranto,

e poi vanì. Soave allora un canto

s’udì di madre, e il moto di una culla.

Situazione. Viene descritto il rumore di un tuono: dopo il lampo, torna il buio più totale, e scoppia il tuono, che fa un rumore simile alla frana di uno strapiombo inaccessibile (arduo), e provoca un’eco violenta (rimbomba): questa eco si propaga più volte per l’atmosfera (rimbomba, rimbalza, rotola), e svanisce lentamente, propagandosi sempre più lontano, fino a sparire.

 - Dopo il tuono, un altro rumore, più familiare e rassicurante: quello di una madre che culla il bambino, forse per consolarlo.


Analogie tematiche. il primo verso riprende il testo precedente:
 - «nella notte nera», stessa situazione, un istante dopo il lampo;
 - «come il nulla», riprende anche la situazione emotiva, del nulla nel quale si ripiomba dopo la visione istantanea terrificante;
 - «a un tratto», anche qui domina la dimensione istantanea degli eventi;

Fonosimbolismo. Mentre nel testo precedente dominano immagini visive, qui Pascoli vuole riprodurre immagini acustiche, e si serve ovviamente di tutti gli artifici fonici e fonosimbolici disponibili
 - allitterazioni  in r: «fragor d’arduo dirupo / che frana»;
 - ripetizioni foniche e ritmiche: «rimbombò», onomatopea, poi ripetuta e variata: «rimbombò, rimbalzò, rotolò» e poi «rimareggiò rifranto»: queste ripetizioni e variazioni danno l’idea di una specie di eco, tipica dei tuoni;

Il «nido». Alla fine compare un’immagine protettrice e rassicurante: la madre che culla il bambino. È l’immagine del «nido»: un luogo non sconvolto dalla forza degli elementi esteriori.

 - Elio Gioanola scrive: «I temporali pascoliani non si risolvono mai in pioggia, perché sono temporali ‘psicologici’, non reali: riflettono più una turbata condizione interiore che una situazione vera. In questo caso il temporale costituisce una lontana minaccia, tanto più paurosa quanto distante e indeterminata». 

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…