Passa ai contenuti principali

Il transito della disperazione - di Gianni Peteani

Il transito dei migranti, il transito di quanti fuggono da guerre, da persecuzioni, da miseria e da fame. Il viaggio infinito dei tanti che non arriveranno mai, la diaspora di coloro che saranno bloccati, umiliati, depredati di ogni ultima dignità e infine respinti. Nel gennaio di settant'anni fa, dai binari celati dal Silos, nella Stazione ferroviaria di Trieste, si ultimava l'abominio della deportazione nei Lager nazisti. 

Da questo stesso luogo, meta odierna di nuova disperazione partì, negli anni dell'occupazione tedesca, il 70% dei deportati dall'Italia con destinazione Auschwitz. Il penultimo convoglio della morte partì l'11 gennaio 1945 diretto al Campo di sterminio femminile di Ravensbruck. L'ultimo, sabato 24 febbraio ‘45 scaraventò i martiri nell'inferno di Bergen Belsen. Quasi un mese dopo l'avvenuta liberazione di Auschwitz. 

Anche nelle ultime tragiche fasi della Seconda Guerra Mondiale Trieste ebbe un ruolo strategico fondamentale per il Terzo Reich, tramite la Risiera di San Sabba convertita nell'unico Lager di sterminio nazista in suolo italiano e dell'Europa meridionale, avvalendosi febbrilmente del suo snodo ferroviario, nel quadro della massima efficienza dei trasporti affidati allo zelo maniacale di Adolf Eichmann. Sulle traversine di legno, superstiti testimoni dei binari della Deportazione e dell'Olocausto italiani, si sono inginocchiate queste consapevoli vittime del nuovo millennio. Perlopiù giovani senza meta, senza domani. Infreddoliti. Affamati. Disperati. Rifiutati. Nell'indifferenza del nostro vivere civile, caldo e pulito. Dinanzi alle nostre porte, semplicemente chiuse. Nella progettata riqualificazione della maestosità architettonica del Silos, nuovamente simbolo della tragedia umana, si consideri l’importanza di un luogo permanente della Memoria: di quanto allora è stato e di quanto nuovamente è.
Memoria in quanto le analogie con quel passato riemergono in un'inquietante realtà nello stesso luogo, a un passo dalle nostre case e dalle nostre vite, nel centro della città e al contempo distanti da tutti e tutto, nuovamente celando il crimine dell'indifferenza.

Gianni Peteani

Presidente Comitato permanente Ondina Peteani 
prima staffetta partigiana d'Italia 
Deportata Auschwitz 81672

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…