Passa ai contenuti principali

Il transito della disperazione - di Gianni Peteani

Il transito dei migranti, il transito di quanti fuggono da guerre, da persecuzioni, da miseria e da fame. Il viaggio infinito dei tanti che non arriveranno mai, la diaspora di coloro che saranno bloccati, umiliati, depredati di ogni ultima dignità e infine respinti. Nel gennaio di settant'anni fa, dai binari celati dal Silos, nella Stazione ferroviaria di Trieste, si ultimava l'abominio della deportazione nei Lager nazisti. 

Da questo stesso luogo, meta odierna di nuova disperazione partì, negli anni dell'occupazione tedesca, il 70% dei deportati dall'Italia con destinazione Auschwitz. Il penultimo convoglio della morte partì l'11 gennaio 1945 diretto al Campo di sterminio femminile di Ravensbruck. L'ultimo, sabato 24 febbraio ‘45 scaraventò i martiri nell'inferno di Bergen Belsen. Quasi un mese dopo l'avvenuta liberazione di Auschwitz. 

Anche nelle ultime tragiche fasi della Seconda Guerra Mondiale Trieste ebbe un ruolo strategico fondamentale per il Terzo Reich, tramite la Risiera di San Sabba convertita nell'unico Lager di sterminio nazista in suolo italiano e dell'Europa meridionale, avvalendosi febbrilmente del suo snodo ferroviario, nel quadro della massima efficienza dei trasporti affidati allo zelo maniacale di Adolf Eichmann. Sulle traversine di legno, superstiti testimoni dei binari della Deportazione e dell'Olocausto italiani, si sono inginocchiate queste consapevoli vittime del nuovo millennio. Perlopiù giovani senza meta, senza domani. Infreddoliti. Affamati. Disperati. Rifiutati. Nell'indifferenza del nostro vivere civile, caldo e pulito. Dinanzi alle nostre porte, semplicemente chiuse. Nella progettata riqualificazione della maestosità architettonica del Silos, nuovamente simbolo della tragedia umana, si consideri l’importanza di un luogo permanente della Memoria: di quanto allora è stato e di quanto nuovamente è.
Memoria in quanto le analogie con quel passato riemergono in un'inquietante realtà nello stesso luogo, a un passo dalle nostre case e dalle nostre vite, nel centro della città e al contempo distanti da tutti e tutto, nuovamente celando il crimine dell'indifferenza.

Gianni Peteani

Presidente Comitato permanente Ondina Peteani 
prima staffetta partigiana d'Italia 
Deportata Auschwitz 81672

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Il canto dell’usignolo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto VII - ottave 32-37
Prima parte. Canti I-IV. La prima parte tratta dell’innamoramento di Venere e Adone. - Cupido, per vendetta, fa in modo che la madre si innamori di un mortale, Adone, approdato nell’isola di Cipro: dapprima Venere si innamora di lui vedendolo addormentato sulla spiaggia dove è approdato; in seguito Adone si innamora a sua volta di Venere, dopo aver curato una ferita alla gamba.   - Dopo l’innamoramento, tre personaggi, Cupido, Clizio e Mercurio si occupano dell’iniziazione di Adone, attraverso una lunga serie di esperienze estetiche. Seconda parte. Canti V-XI. In questo gruppo di canti viene descritta l’iniziazione di Adone.  - innanzitutto vi è l’iniziazione ai piaceri dei sensi: Adone viene condotto attraverso il giardino del piacere;  - quindi si passa alle delizie dell’intelletto e delle arti;  - infine Adone viene avviato alla scienza moderna; Al termine di queste esperienze Mercurio può celebrare il matrimonio tra Adone…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …