Passa ai contenuti principali

Due pastori amici traduzione musicale della prima ecloga di Virgilio di...


Due pastori amici (musica di Luigi
Gaudio)

MELIBEO: O Titiro, tu riposando all'ombra
di quel frondoso faggio vai
studiando
un boscaiolo canto sul tuo flauto;
abbandoniamo le dolci campagne
e il suolo della patria, che
fuggiamo;
tu, o Titiro, calmissimo nell'ombra,
fai risuonare nelle selve ombrose
con la sua eco il nome di Amarilli.

MELIBEO: Un gran
rumor
rimbomba per i campi
da ogni parte e anche io stesso,
affranto,
le capre spingo innanzi al mio
cammino;
con sforzo questa, o Titiro, trascino:
Se avessimo pensato saggiamente
l'avevan già predetto questo male
le querce che dal ciel furon
schiacciate.
Ricordo ben, non v'è da dubitare.
TITIRO: La libertà lo sguardo mi ha rivolto
benigno, benché tardi sia arrivata,
quand' ero ormai canuto ed
invecchiato
dopo sì lungo tempo guardò e venne
dopo
che Galatea mi ha abbandonato
e
la bella Amarilli mi ha sposato.
Infatti, finché Galatea mi tenne,
di
libertà speranza non mi venne,

MELIBEO:
Ahi,
un giorno, dopo innumerevol tempo
stupirmi
potrò mai di ritrovare
tra
quei paterni campi qualche spiga
quello
che un tempo era il regno mio?
Un
barbaro soldato può mai avere
questi
maggesi così coltivati?
Fino
a che punto la guerra civile
I
cittadini miseri ha condotto

TITIRO:
Malgrado ciò potresti riposare
insieme
a me stanotte su un giaciglio
verde
di fronde nella mia casetta.
Ho
molti frutti e tenere castagne
latte
rappreso con grande abbondanza.
E, si intravede già qui, da lontano,
delle
capanne fumano i camini
e
dalla sommità delle montagne
più
lunghe e scure scendono le ombre.

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.