Passa ai contenuti principali

Alcyone di Gabriele D’Annunzio - di Carlo Zacco

Il progetto delle Laudi. L’ideologia del Superuomo approda nel progetto delle Laudi: un vasto ciclo poetico che aveva, nelle intenzioni di D’Annunzio, il compito di diffondere il verbo del «Vate»;

 - le laudi sono una summa della sua visione;
 - il ciclo poetico doveva essere costituito da sette libri, ed era intitolato Laudi del cielo del mare della terra e degli eroi: nelle intenzioni di D’Annunzio una celebrazione di tutto il reale.
 - Di fatto, di questi sette libri ne pubblica solo quattro: i primi tre nel 1904 (Maia, Elettra, Alcyone) il quarto nel 1912 (Merope);

Maia. Ha come sottotitolo Laus Vitae, e nasce dall’esperienza di un viaggio reale che D’Annunzio ha compiuto in Grecia nel 1895:
 - in questa parte l’io lirico del poeta-Vate-Superuomo raffigura se stesso come una sorta muovo Ulisse, un eroe che viaggia per la Grecia, facendosi trasportare dalla forza della bellezza del mondo antico, rappresentato in termini mitici e idealizzati;
 - dopo questo viaggio in una Grecia mitizzata, l’io lirico ritorna al presente, nelle «città terribili» delle nuove metropoli, profanate dall’industrializzazione e dal commercio;
 - la realtà contemporanea però non viene del tutto condannata: c’è una possibilità di riscatto, e questa viene proprio dal superuomo, iniziato alla bellezza e alla forza vitale dal viaggio in Grecia;
 - alcuni aspetti della società contemporanea vengono esaltati: l’alta finanza, il capitale, l’industria, le macchine;   si tratta di aspetti in cui l’umo può sperimentare il suo eroismo e la sua superiorità.
Il metro. A livello formale Maia non è una raccolta di liriche ma un poemetto (in cui l’aspetto lirico è però prevalente);
 - l’aspetto formale interessante e che viene usato per la prima volta il verso libero.

Elettra. In questa parte viene esposta più l’ideologia politica del Superuomo: c’è sempre un passato mitico da esaltare e un presente da riscattare;
 - il discorso in questa parte è più politico-celebrativo.
 - qui compare anche la dimensione del futuro di gloria e bellezza da raggiungere.
 - in questa parte vengono fatti elogi a città antiche, medievali e rinascimentali, descritte sempre in modo mitico, che riprende i modi della descrizione dell’Ellade in Maia.

Alcyone. È il terzo libro della raccolta. Se nella prima e nella seconda il Superuomo aveva viaggiato nello spazio (in Grecia e in Italia) e nel tempo (antichità, medioevo, rinascimento), ora si riposa.
 - si tratta di una raccolta di liriche: 88 componimenti divisi in cinque sezioni; dalla seconda sezione in poi ogni gruppo è preceduto da un Ditirambo;
 - la raccolta è stata scritta per lo più nell’estate del 1899: l’estate è l’ambiente prevalente, è un momento di riposo dalle fatiche affrontate fin ora: è un riposo del Superuomo, non dal Superuomo, come erroneamente è stato detto a volte.

 - in questa sezione sono presenti le istanze ideologiche delle prime due sezioni, ma per lo più è presente uno slancio vitalistico nei confronti della natura: la contemplazione della bellezza della natura, e l’identificazione con essa.
 - Anche di fronte alla natura, anche in questa momentanea situazione i inazione,  il Superuomo manifesta la sua superiorità in quanto unico in grado di penetrare nei misteri della realtà, di interpretarne i simboli, e di esprimerli grazie alla forza della sua parola;
 - In tutta la produzione poetica di D’Annunzio questa è la parte più riuscita: proprio perché è meno presente l’aspetto ideologico, e più quello lirico;
 - qui emerge di più il simbolismo nella rappresentazione della natura.



> Da leggere autonomamente: pag. 472-472, («i temi»)

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…