Passa ai contenuti principali

Trionfo della Morte II, vv. 76-190, di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco



 

 

78

 

 

81

 

 

84

 

 

 

 

87

 

 

90

 

 

93

 

 

 

96

 

 

99

 

 

102

 

 

 

105

 

 

108

 

 

 

111

 

 

114

 

 

117

 

 

120

- Deh, madonna, - diss’io - per quella fede

che vi fu, credo, al tempo manifesta,

or più nel volto di chi tutto vede,

creovvi Amor pensier mai ne la testa

d’aver pietà del mio lungo martire,

non lasciando vostr’alta impresa onesta?

Che’ vostri dolci sdegni e le dolci ire,

le dolci paci ne’ belli occhi scritte,

tenner molti anni in dubbio il mio desire. –

 

 

A pena ebb’io queste parole ditte,

ch’io vidi lampeggiar quel dolce riso

ch’un sol fu già di mie virtuti afflitte.

Poi disse sospirando: - Mai diviso

da te non fu ’l mio cor, né già mai fia;

ma temprai la tua fiamma col mio viso,

perché a salvar te e me null’altra via

era e la nostra giovenetta fama;

né per ferza è però madre men pia.

 

Quante volte diss’io meco: «Questi ama,

anzi arde: or si conven ch’a ciò provveggia,

e mal pò provveder chi teme o brama.

Quel di fuor miri, e quel dentro non veggia».

Questo fu quel che ti rivolse e strinse

spesso, come caval fren, che vaneggia.

Più di mille fïate ira dipinse

il volto mio ch’Amor ardeva il core;

ma voglia in me ragion già mai non vinse.

 

Poi se vinto ti vidi dal dolore,

drizzai in te gli occhi allor soavemente,

salvando la tua vita e ’l nostro onore;

e se fu passïon troppo possente,

e la fronte e la voce a salutarti

mossi, et or timorosa et or dolente.

 

Questi fur teco miei ingegni e mie arti:

or benigne accoglienze et ora sdegni

(tu ’l sai che n’hai cantato in molte parti),

ch’i’ vidi gli occhi tuoi talor sì pregni

di lagrime, ch’ i’ dissi: «Questi è corso,

chi non l’aita, sì ’l conosco ai segni»:

allor provvidi d’onesto soccorso;

talor ti vidi tali sproni al fianco,

ch’ i’ dissi: «Qui conven più duro morso».

Così, caldo, vermiglio, freddo e bianco,

or tristo, or lieto, infin qui t’ho condutto

salvo, ond’io mi rallegro, benché stanco.

«oh mia Signora – dissi io – per quella fedeltà [verso di voi] che, credo, vi è stata evidente, un tempo, o [lo è] ancora di più oggi [che potete vederlo] nel volto di chi tutto vede [Dio]: è mai successo che amore provocasse nella vostra mente il pensiero di aver pietà di me per le mie sofferenze, senza che abbandonaste il vostro proposito di castità? Infatti, i vostri sdegni gentili e le vostre ire, [contrapposti] alla pace dipinta nel vostro sguardo, mi hanno tenuto molti anni nel dubbio [che voi mi amaste o meno]».

Non appena io ebbi pronunciato queste parole, vidi splendere quel dolce sorriso che un tempo fu un sole per le mie forze quando venivano meno.

Poi disse sospirando: «Il mio cuore non fu mai diviso dal tuo, né mai lo sarà;

ma regolai la tua passione amorosa con le mie espressioni del viso, poiché non  c’era altro modo per salvare la nostra reputazione ancora fragile:

una madre non è meno amorevole se usa la sferza.

 - Quante volte mi sono detta: «lui è innamorato,  anzi, brucia d’amore: è necessario resistere, e non può certo farlo chi teme (di perdere la reputazione) e intanto desidera egli stesso; gli farò vedere solo il mio aspetto esterno, e nasconderò i miei sentimenti; questo è ciò ti tenne in dubbio, e ti fece soffrite, come fa il freno per un cavallo impazzito.

Più di mille volte il mio volto mostrava ira, mentre nel cuore ardeva amore (per te);

ma il desiderio in me non sconfisse mai la ragione;

 

Poi, quando ti vedevo sopraffatto dal dolore,

allora mi rivolgevo a te con gentilezza,

salvandoti la vita, e insieme il nostro onore;

se invece eri preso da passione troppo forte, evitavo di salutarti e di guardarti, temendo (che tu potessi farti del male) e provando dolore (per te).

 

Questo fu il mio stratagemma con te: ora un atteggiamento benevolo, ora ostile

(tu lo sai, che lo hai descritto in mille poesie),

poiché a volte vedevo i tuoi occhi  così pieni

di lacrime, che io mi  dicevo:  «questo è andato,

se qualcuno non lo aiuta; lo riconosco dai segni»:

allora ti venivo in soccorso;

a volte, invece, vedevo che avevi una tale voglia,

che mi dicevo: «qui occorre tirare la briglia».

E così, alternando calore e freddezza, passione e distacco; ora triste, ora felice: infine ti ho portato sano e salvo, anche se stanco; e di ciò sono felice.



Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…