Passa ai contenuti principali

Rime in morte di Laura di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco


Data di morte. Laura muore di peste il 6 Aprile 1348 ad Avignone. Durante la tragica epidemia che aveva colpito l’Europa a partire da quell’anno. Il 6  Aprile era anche il giorno in cui avvenne il primo incontro tra Petrarca e Laura: la morte cade dunque esattamente 21 anni dopo questo importante evento (con ogni probabilità si tratta di una forzatura a scopo letterario).
 - Petrarca viene a sapere della morte di Laura da un amico, circa un mese dopo, il 19 Maggio, e non appena apprende la notizia, fa un’annotazione, su un codice contenente le opere di  Virgilio che aveva sotto mano.

Rime in morte. La seconda parte del Canzoniere è caratterizzata dalla presenza del motivo della morte di laura. ATTENZIONE: non diciamo ‘rime composte dopo la morte’, ma rime in morte: perché alcune delle poesie presenti in questa sezione risalgono a prima del 1348; rime ‘in morte’ è da intendersi dal punto di vista tematico, non cronologico.

Nuovo percorso. Dopo la morte di Laura, la vicenda sentimentale di Petrarca subisce una svolta violenta. Inizialmente il poeta reagisce al fatto disperandosi; successivamente però, man mano, Petrarca rielabora tutta la sua vicenda riconsiderandola alla luce della morte di Laura.
 - Innanzitutto vediamo scorgere una sorta di paradosso: da morta Laura appare più vicina all’Autore, la sua presenza più costante, regolare e benevola nei confronti dell’amante.
 - A poco a poco Laura (morta) diventa colei che indica al poeta la via del pentimento e della redenzione;
Riconsiderazione di un amore: in che modo Petrarca riconsidera la sua vicenda amorosa? Innanzitutto il rifiuto di Laura non è più visto come fonte di dolore, ma come opportunità di salvezza: Laura, rifiutando Petrarca, teneva sia se stessa che l’amante lontani dalla possibilità di vivere una relazione amorosa moralmente sconveniente.
 - Le rime in morte di Laura sono il racconto della lenta ricomposizione dell’animo del poeta, che nella prima parte appariva lacerato: se prima l’animo del poeta appariva turbato, e lacerato da forze e desideri contrapposti, ora man mano va ricomponendosi: vengono man mano ricostruiti i frammenti d’anima.
 - Laura, d’altra parte, cambia carattere: da capricciosa e imprevedibile, diventa materna, disposta a guidare l’amante in questo nuovo percorso.

Memoria. È fondamentale il tema della memoria. Dopo la morte di Laura, tutta la vicenda si gioca nell’ambito del ricordo e della memoria:
 - il presente modifica le convinzioni e sentimenti del passato;
 - il passato, a sua volta, modifica il presente.
In questo la scrittura poetica è un mezzo necessario e non eliminabile per questo percorso di ricomposizione: è attraverso la scrittura che ricordo e memoria agiscono sulla mente del poeta.
Stile. In generale, il linguaggio poetico della seconda parte cambia: diventa più armonioso, perde quelle durezze espressive che avevano caratterizzato le rime in vita, quando il poeta si lagnava del suo amore impossibile.
Trasfigurazione di Laura
Cambiamenti di Laura. De Sanctis usa questo termine per indicare i cambiamenti della figura di Laura dopo la morte:
1)      Da viva Laura era caratterizzata da un carattere complesso, ambiguo, capriccioso, per certi versi non comprensibile da parte del poeta;
2)      Da morta Laura sembra dare spiegazioni circa i suoi comportamenti sulla terra, e i conti cominciano a quadrare. Inoltre La figura di Laura diventa attiva: di sua iniziativa conforta il poeta, lo consola, lo incoraggia ad attendere un futuro ricongiungimento in cielo.
Cambiamenti nell’io lirico. Naturalmente tutte queste sono proiezioni di Petrarca: a cambiare, in realtà, è l’io lirico, che, come si è detto, riconsidera il suo rapporto con Laura, e quindi anche Laura stessa, sotto una nuova ottica. La morte di Laura fa in modo che Petrarca diventi più risoluto nel perseguire il desiderio di perfezione cristiana. In Particolare:
1)      Il rifiuto di laura, che tanto faceva soffrire Petrarca, in realtà lo ha salvato dalla perdizione: tutta la vicenda è quindi riletta in chiave provvidenzialistica;

2)      La tensione erotica, il desiderio sessuale di Petrarca scompare, e viene sostituito da una tensione unicamente religiosa. Laura morta è colei che è in grado di accompagnare Petrarca in questo nuovo percorso religioso.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…