Passa ai contenuti principali

La vergine cuccia, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - Il mezzogiorno - vv. 516-555 - di Carlo Zacco


A Tavola. Siamo nel Mezzogiorno. Il giovin signore siede a tavola con altri nobili.
 - Il precettore a un certo punto si sofferma a descrivere due personaggi singolari, che il destino ha voluto che capitassero seduti l’uno vicino all’altro, in modo che l’uno accresca la singolarità dell’altro: il primo è un uomo estremamente grasso;
 - l’altro invece è magrissimo: il poeta si sofferma su quest’ultimo;
 - la sua magrezza è dovuta al fatto che è vegetariano, e il poeta lo osserva arricciare il naso e le labbra vedendo che gli altri commensali mangiano carne, mentre lui spilucca lentamente un po’ di pane, e dice:

«Pera colui che prima osò la mano
Armata alzar su l'innocente agnella,
E sul placido bue: nè il truculento
Cor gli piegàro i teneri belati         
Nè i pietosi mugiti nè le molli
Lingue lambenti tortuosamente
La man che il loro fato, ahimè, stringea».

 - il vegetariano è quindi sensibile alla sofferenza degli animali, ma evidentemente non a quella umana;
 - Mentre il vegetariano pronuncia queste parole, alla dama del giovin signore spunta una lacrimuccia, perché questa tirata contro il maltrattamento degli animali le fa venire in mente un episodio di violenza di cui è stata vittima la sua cagnolina, la vergine cuccia.




 

 

 

520

 

 

 

 

525

 

 

 

 

530

 

 

 

 

535

 

 

 

 

540

 

 

 

 

545

 

 

 

 

550

 

 

 

 

555

 


Or le sovviene il giorno,

Ahi fero giorno! allor che la sua bella

Vergine cuccia de le Grazie alunna,

Giovenilmente vezzeggiando, il piede

Villan del servo con l'eburneo dente

Segnò di lieve nota: ed egli audace

Con sacrilego piè lanciolla: e quella

Tre volte rotolò; tre volte scosse

Gli scompigliati peli, e da le molli

Nari soffiò la polvere rodente.

Indi i gemiti alzando: aita aita

Parea dicesse; e da le aurate volte

A lei l'impietosita Eco rispose:

E dagl'infimi chiostri i mesti servi

Asceser tutti; e da le somme stanze

Le damigelle pallide tremanti

Precipitàro. Accorse ognuno; il volto

Fu spruzzato d'essenze a la tua Dama;

Ella rinvenne alfin: l'ira, il dolore

L'agitavano ancor; fulminei sguardi

Gettò sul servo, e con languida voce

Chiamò tre volte la sua cuccia: e questa

Al sen le corse; in suo tenor vendetta

Chieder sembrolle: e tu vendetta avesti

Vergine cuccia de le grazie alunna.

L'empio servo tremò; con gli occhi al suolo

Udì la sua condanna.

                                        A lui non valse

Merito quadrilustre; a lui non valse

Zelo d'arcani uficj: in van per lui

Fu pregato e promesso; ei nudo andonne

Dell'assisa spogliato ond'era un giorno

Venerabile al vulgo. In van novello

Signor sperò; chè le pietose dame

Inorridìro, e del misfatto atroce

Odiàr l'autore. Il misero si giacque

Con la squallida prole, e con la nuda

Consorte a lato su la via spargendo

Al passeggiere inutile lamento:

E tu vergine cuccia, idol placato

Da le vittime umane, isti superba.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 - rodente: irritante, che fa prurito;

 

 

 - il riferimento a Eco innalza il tono del racconto;

 

 

 

 

 

 

 

 

 - tre volte: ricorda l’epico ter…ter..

 

 

 - de le grazie alunna: verso formulare: tono epico;

 

 

 

 - lo zelo nell’aver adempiuto a incarichi delicati, come quelli riguardanti gli amorazzi della signora;

 - assisa: divisa;

  - novello signor: un nuovo padrone;

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…