Passa ai contenuti principali

Italo Calvino


Apprendimento cooperativo: 
qui sopra videolezione del professore su youtube

qui sotto:
audiolezione del professore in mp3
approfondimento scritto di un alunno/a

Formazione di Italo Calvino

La famiglia di Italo Calvino ha educato Italo Calvino sin dalla nascita:
All’amore per la natura (erano commercianti di fiori sanremesi ed erano a Cuba per affari quando è nato Italo Calvino a Santiago de Las Vegas nel 1923)
Ai rigorosi principi della cultura laica e illuminista
 
In base a questo Calvino
Si iscrive alla facoltà di Agraria (1941)
Rifiuta di arruolarsi nell’esercito della repubblica di Salò e combatte con i partigiani comunisti sulla Alpi marittime
 
Costretto per la guerra ad abbandonare gli studi scientifici, in base alle sue nuove attitudini, dopo la guerra, Calvino si inscrive alla facoltà di lettere dell’università di Torino nel 1945, e si laurea nel 1947.
 
Nel dopoguerra, frequenta gli intellettuali comunisti che in quegli anni coltivano il sogno della realizzazione di una profonda rivoluzione nel segno dell’equità sociale, e pubblica diversi racconti su “Il politecnico” di Elio Vittorini, condividendo di Vittorini la scelta di autonomia della cultura dalla politica, ribadita in una nota polemica con Togliatti.
Verso la fine degli anni quaranta si lega alla casa editrice Einaudi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.