Passa ai contenuti principali

Biglietto d’amore di Laura Mancinelli - di Alessandra Marinaccio

Il romanzo è ambientato nella Germania del XIII secolo e narra la storia di Hadlaub, uno scrittore istruito dai monaci di Einsiedeln, che viene accolto nella dimora del ricco mercante Manesse. Qui conosce e si innamora di Lisbeth, una delle figlie del mercante con la quale trova un modo di comunicare senza che gli altri se ne accorgano. Tramite un biglietto attaccato al mantello della ragazza i due giovani stabiliscono i loro incontri, i quali avvengono in una torre della casa che è disabitata e dove nessuno può vederli. Quando la famiglia viene a sapere di questa loro relazione prende subito dei provvedimenti allontanando Hadlaub dalla casa con un pretesto; il ragazzo deve praticamente trovare e trascrivere tutti i versi d’amore conservati nelle biblioteche , monasteri e case private della Germania per poi raccoglierli in un unico testo che ad oggi è davvero esistente, si tratta infatti di un testo conservato nella Biblioteca Universitaria di Heidelberg che si intitola “Codice Manesse” e si dice sia una delle più importanti opere di poesie d’amore. Hadlaub parte per il suo viaggio accompagnato da un cacciatore, Guilbert con il quale si instaurerà una forte amicizia. Durante il loro viaggio i due giovani incontrano dei personaggi eccentrici che offrono loro ospitalità. Prime tra tutti le due mogli del mugnaio che danno loro un’accoglienza molto intima. Poi incontrano Zaccaria, l’eremita omosessuale che è stato monaco, cresciuto in monastero da cui però era scappato. Sono anche ospitati nel rifugio di Edburga dove si radunano donne e uomini che scappano da un mondo in cui non si ritrovano e non si rispecchiano. Ala fine del loro viaggio incontrano il conte Ulrico , uomo vecchio la cui situazione di solitudine è dovuta a scelte sbagliate compiute sia in giovinezza sia in vecchiaia e il vescovo di Passau che non veste la tonaca ed è un po’ al di fuori dagli schemi ecclesiastici. Il ritorno è molto triste per Hadlaub perchè scopre che la sua amata  Lisbeth è stata promessa in sposa ad un vecchio malato è anche diventata mamma di una bimba di nome Nontiscordardimè. Guardando la bimba Hadlaud vede che ha gli stessi suoi occhi e capisce che è frutto dell’amore fra lui e Lisbeth e ringrazia quindi la sua amata.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…