Passa ai contenuti principali

Al poco giorno e al gran cerchio d'ombra. Parafrasi interlineare e commento delle rime petrose di Dante - di Carlo Zacco


101 – Al poco giorno e al gran cerchio d'ombra

 

1.

Lasso!

son giunto

al poco giorno

e al gran cerchio d'ombra,

ed al bianchir de' colli,

 

Ahime!

sono arrivato

alle giornate brevi [:all’inverno]

e alle lunghe notti.

e all’imbiancarsi dei colli [:per la neve]

 

quando

lo color

si perde ne l'erba;

e però non

'l mio disio

cangia il verde,

 

quando

il colore [verde]

viene meno nell’erba:

ma non per questo

il mio desiderio

perde vitalità,

 

 

sì è barbato

ne la dura petra

che parla e sente

come fosse donna.

a tal punto è radicato

nella dura pietra [:l’amata]

che parla e sente [ha sensi]

come se fosse una donna.


L’ambientazione invernale è la stessa di Io son venuto, e rovescia la dominante collocazione primaverile della lirica cortese. uguale è anche l’implicito nesso logico: il venir meno della vitalità della natura non intacca la violenza e la passione del poeta. Il parallelismo oppositivo è affidato soprattutto alla metafora del verde, il quale sparisce nell’erba e resiste eccezionalmente nei pensieri del poeta. Petra è nome o soprattutto senhal dell’amata.

 

2.

Similemente

questa nova donna

si sta gelata

come neve a l'ombra;

che

 

In modo analogo

questa donna fuori dal comune

sta gelata

come neve all’ombra:

dato che

 

non la move,

se non come

petra,

il dolce tempo

che riscalda i colli

e che li fa tornar

non la  [:ogg] coinvolge

se non come

[coinvolge] una pietra, [:sogg]

la stagione mite [:la primavera]

che riscalda i colli

che li fa ritornare

 

di bianco

in verde

perché li copre

di fioretti e d'erba.

da bianchi,

verdi

perché li copre

di fiori e di erba.

 
Come nel poeta resiste il verde dell’amore pur nella morta stagione invernale, così nell’amata, in modo uguale e contrario, resiste il gelo della neve invernale pur nella stagione primaverile che ridà vita alla natura: le due eccezioni individuali sanciscono una perfetta incomunicabilità e la disperata condizione del poeta.

 

3.

Quand'ella ha in testa una ghirlanda d'erba,

trae de la mente nostra ogn'altra donna;

 

Quando ella ha in testa una corona d’erba,

toglie dalla nostra memoria ogni altra donna:

 

perché il crespo giallo

e 'l verde

si mischia

sì bel,

ch'Amor lì viene a stare

perché il giallo arricciato [dei capelli]

e il verde [dell’erba]

si mischiano

in modo così bello

che Amore viene a stare

 

a l'ombra,

che m'ha serrato

intra piccioli colli

più forte assai che la calcina petra.

all’ombra lì,

che mi ha avvinto [Amore]

tra i piccoli colli

assai più fortemente che la calce.


Amor..ombra:  all’ombra dei capelli e della ghirlanda, cioè presumibilmente negli occhi, sede consueta di attenzione della tradizione lirica cortese e stilnovistica.
Piccioli colli: non è possibile puntualizzare in termini geografici questo riferimento, che forse allude a Firenze, circondata da colli.

 

4.

La sua

bellezza

ha più vertù

che petra,

e 'l colpo suo

non può sanar

 

 

La sua [:dell’amata]

bellezza

ha più potenza

che una pietra [preziosa]

e la ferita provocata da lei

non può guarire

 

 

per erba;

ch'io son fuggito per piani

e per colli,

per potere scampar

con [nessuna] erba: [:medicina]

infatti io sono fuggito attraverso pianure

e attraverso colline

per poter scappare [:per salvarmi]

 

da cotal donna;

e dal suo lume

non mi può far ombra

poggio né muro

da una simile donna;

ma dalla sua luce

non mi può mai fare ombra

[né] un colle né un muro

 

mai né fronda verde.

né una verde vegetazione [: siepi, alberi]


Al potere che la bellezza luminosa della donna ha di raggiungere il suo oggetto (cioè il poeta), non c’è riparo; né medicina per le conseguenze.
Suo lume: ‘la luce che la donna irradia’, oppure ‘il suo sguardo luminoso’.

5.

Io l'ho veduta già vestita a verde

sì fatta,

ch'ella avrebbe messo

in petra

l'amor

 

Io l’ho vista una volta vestita di verde,

tale [:così bella]

che avrebbe [perfino]provocato [trasformato]

in [una] pietra

l’amore

                                             

ch'io porto

pur

a la sua ombra;

ond'io l'ho chesta

innamorata

com'anco fu

che io porto

anche solo

alla sua ombra:

per cui l’ho desiderata [ho desiderato che fosse]

innamorata [di me]

come mai lo fu

                      

donna,

in un bel prato d'erba

e chiuso intorno d'altissimi colli.

 

altra donna,

in un bel prato d’erba

circondato di colli altissimi.

 


La bellezza della donna quale si mostra al poeta è tale da far innamorare anche i sassi; così che l’amante desidererebbe vederla follemente innamorata di lui in un luogo perfettamente isolato.
La sintassi dei verso 28-30 è assai artificiosa, costruita sulla forte anastrofe che separa chiuso da prato, e innamorata dal pronome «la» contenuto in l’ho.
Gli altissimi colli conclusivi riecheggiano i «piccoli colli» del verso 17 contrapponendo la favolosa geografia del desiderio a quella realistica della condizione biografica.

 

6.

Ma ben ritorneranno i fiumi a' colli

prima che questo legno molle e verde

s'infiammi,

 

Ma piuttosto i fiumi ritorneranno ai colli [:saliranno dalla foce alla sorgente]

prima che questo legno bagnato verde [:l’amata]

si infiammi

 

di me,

come suol far bella donna,

che mi torrei

dormire in petra

tutto il mio tempo

di me,

al modo di una bella donna;

e io accetterei

di dormire sulla pietra

per tutta la vita

 

e gir

pascendo l'erba,

sol per veder

do' suoi panni fanno ombra.

e andare

nutrenodomi di erba,

solo in cambio di vedere

dove i suoi vestiti fanno ombra. [:dove sta l’amata].


Ma ben..colli: è un adynaton chiamato ad introdurre la logica paradossale e iperbolica di questa strofa.   Legno..s’infiammi: con coerenza metaforica.

 

C.

Quandunque i colli fanno

più nera ombra,

la giovane donna

la fa sparer

sotto un bel

 

Allorché i colli fanno [:proiettano]

l’ombra più scura,

la giovane donna [che amo]

la fa sparire

sotto un bel

 

verde

com'uom petra sott'erba.

color verde

come si fa sparire una pietra sotto l’erba.



Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…