Passa ai contenuti principali

Timeline di Michael Crichton - di Elisa Colombo

Timeline è un romanzo di fantascienza ambientato ai giorni nostri e nella Francia medievale.
Un gruppo di archeologi sta lavorando a degli scavi in Francia quando il capo spedizione scompare e viene travata una sua richiesta di aiuto datata 1357.
Scoprono cosi che la  società che finanzia gli scavi,  che si occupa di fisica quantistica,  ha creato una macchina del tempo.
Tre archeologi, Chris, Marek e Kate dopo un corso accelerato di lingua antica vengono catapultati insieme a due tecnici della società nel 1357 nel bel mezzo di una sanguinosa battaglia tra inglesi e francesi per cercare di ritrovare il professore.
I due tecnici vengono subito uccisi, e i tre ragazzi rimangono soli.
Per degli uomini del XX secolo non è facile sopravvivere nel Medioevo.
Per fortuna Marek è un appassionato di armi medievali e riesce a combattere e difendere gli amici.
Non mancano i colpi di scena, gli archeologi si scontreranno con Sir Robert de Kere che in realtà è un uomo del XX secolo rimasto intrappolato nel Medioevo che  cercherà di non far tornare nemmeno loro.
Nel frattempo nel laboratorio viene distrutta la macchina del tempo e il capo dell’azienda vorrebbe  abbandonare tutti, ma contrariamente al suo volere un tecnico e un  archeologo la riparano.
Dopo numerose peripezie, duelli e scampati pericoli i ragazzi ritrovano il professore e possono finalmente rientrare ma Marek decide di restare, perché ha sempre amato il Medioevo e inoltre  ha conosciuto e si è innamorato di Lady Claire .
Il finale vede il capo dell’azienda messo a forza nella macchina del tempo e spedito  nel mezzo dell’epidemia di peste.
E’ un romanzo avvincente che ci fa scoprire il Medioevo visto da occhi “moderni”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…