Passa ai contenuti principali

Per una cultura della legalità a scuola - di Laura Alberico

"E' bello morire per ciò in cui si crede; chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una sola volta" ( P. Borsellino).
Il ricordo dei giudici Borsellino e Falcone uccisi dalla mafia, le loro parole che evocavano pericoli imminenti per la sicurezza del nostro paese sono memorie di un passato ancora troppo vivo e reale, ferite aperte su un panorama della legalità purtroppo sempre gravido di omertà e connivenze.
Sulle loro spalle il peso della giustizia vissuta con semplicità e coerenza, fede e rispetto della legalità sulla quale lo stato fonda il dettato costituzionale. " E' normale che ci sia la paura, l'importante che sia accompagnata dal coraggio" ( Borsellino); " Il coraggio e' convivere con la propria paura" ( Falcone ). L'umanità che traspare da queste parole ha il sapore amaro della verità che vuole farsi strada a qualunque costo, la vita stessa al servizio di un ideale da raggiungere per infrangere ingiustizie e sopraffazioni. La cultura della legalità e' oggi il perno attorno al quale le vicende politiche, amministrative e sociali dibattono e propagandano insistentemente appelli e richieste istituzionali. Forse troppe parole per dare corpo a una politica del sociale ormai priva di credibilità e sicurezza soprattutto per i giovani che mancano di certezze e di progettualità per il futuro. Insegnare la legalità a scuola e' un tema delicato perché i cattivi esempi rappresentano la quotidianità della vita reale, ma a questo servono il coraggio e il desiderio di verità, il ricordo costante e sempre attuale di chi ha creduto nel cambiamento della società e degli uomini che la rappresentano.

Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.