Passa ai contenuti principali

Considerazioni sull’EXPO - di Francesco Lena

Il primo Maggio parte la grande esposizione universale sull’alimentazione, in questa occasione dell’Expo evento straordinario che si svolge a Milano, su tanti temi, sull’agricoltura, ambiente, sicurezza alimentare, diritto al cibo, lotta agli sprechi e altro, con la partecipazione di 140 paesi.
Deve essere un’ occasione di dialogo, di confronto d’idee, di culture diverse, su diritti e doveri, di problemi economici ambientali e sociali. Devono tutti i paesi presenti farla diventare una grande opportunità.
Per costruire progetti obiettivi da raggiungere, per far diminuire le iniquità culturali, alimentari. Economiche e sociali. Progetti per il diritto al cibo, di educazione alimentare, di lotta allo spreco di cibo  risorse e dell’acqua. Progetti di sviluppo economico sostenibile e compatibile nel rispetto della natura dell’ambiente. Progetti concreti per aiutare i paesi poveri, portando loro aiuti economici ma soprattutto mezzi per lo sviluppare l’agricoltura, mezzi per costruire pozzi per avere l’acqua, strutture per l’irrigazione, macchine agricole. Mettiamo fine alla fornitura di armi e alla loro costruzione, che sono solo strumenti di morte, quei soldi andrebbero spesi bene e con intelligenza per la vita.
Poi vanno fatti progetti mirati culturali per stimolare a smuovere le coscienze e per combattere l’indifferenza, c’è bisogno che tutti si prendano  delle responsabilità con impegno nei piccoli e grandi problemi dell’umanità, della società, delle persone, dell’ambiente, dell’agricoltura, dei conflitti nel mondo, per risolverli e costruire la pace.
Elaborare un  progetto speciale da proporre all’ONU, per creare un dipartimento specializzato per le mediazioni, per la pace, con personale molto  preparato nel risolvere i  problemi, i conflitti.
Sarebbe ora di incominciare a svuotare gli arsenali per riempire i granai, questa sarebbe la strada giusta da seguire all’Expo, nella politica, nella società. Per migliorare il mondo cari cittadini, dobbiamo migliorare noi, fare sforzo speciale, per tirar fuori tutto il meglio di noi stessi, positività, inventiva costruttiva, creatività, amore umano per chi vive, nella sete, nella fame, nelle malattie, per far arrivare loro cure  acqua e cibo in giusta quantità.
Allora cari cittadini mettiamoci al lavoro con entusiasmo e grande impegno, d'idee proposte suggerimenti, per far in modo che alla fine dell’EXPO di poter raccontare che l’Italia e gli italiani, assieme agli altri paesi, di aver contribuito concretamente a costruire progetti, con l’impegno di portarli avanti fino quando saranno raggiunti  gli obiettivi che contengono.
Per costruire una società più giusta, un ambiente più curato e rispettato, un'economia ecocompatibile e più equa, mettere fine agli sprechi di cibo e risorse, un'alimentazione sana e sufficiente per tutti i cittadini del mondo e raggiungere la pace in tutti i paesi, poter dire che EXPO è servito per il bene comune.
Francesco Lena Via Provinciale,37
24060 Cenate Sopra (Bergamo) tel. 035956434

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.