Passa ai contenuti principali

Buona [scuola] è categoria morale - di Enrico Maranzana

Le parole non hanno quasi mai un significato semplice, univoco: il loro contenuto deriva dal contesto in cui sono inserite, vincolo che, violato, conduce allo stravolgimento del senso delle comunicazioni.
Il DDL del governo, infrangendo tale principio, ha semplificato, banalizzandolo, il problema educativo.
1     - Autonomia delle istituzioni scolastiche
Carica di significato la scelta del riferimento legislativo: la legge 15 marzo 1997 n° 59 “conferisce al governo la delega ad emanare, entro nove mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, uno o più decreti legislativi”.  Si tratta di una norma superata, senza valore: il DPR 275/99 avrebbe dovuto essere il fondamento del disegno di legge.
L’errato richiamo normativo ha un’inequivocabile valenza: respingere l’idea di scuola veicolata dal decreto attuativo.
Il DDL del governo Renzi non affronta la complessità del problema scolastico, rifiuta di considerare che la scuola è un sistema, rigetta la disposizione “l’autonomia delle istituzioni scolastiche si sostanzia nella progettazione e nella realizzazione di interventi di educazione, formazione e istruzione mirati allo sviluppo della persona umana” e ripropone l’antico modello fondato sull’insegnamento delle singole materie.
La superficialità caratterizza l’elaborazione governativa: il buon padre di famiglia, prima di modificare l’esistente, ne studia il comportamento, ne analizza l’evoluzione e capitalizza l’esperienza. In altri termini: il governo avrebbe dovuto indagare sull’efficacia della disposizione sull’autonomia e, se avesse letto i POF elaborati dalle scuole, avrebbe costatato che la progettazione educativa, la progettazione formativa, la progettazione dell’istruzione sono pratiche sconosciute.
Il significato del DDL governativo è: torniamo al passato; validiamo l’attività delle scuole che hanno sistematicamente eluso la legge.

2     Il dirigente scolastico
Il DDL ignora i dettami delle scienze dell’organizzazione, principi che la vigente normativa ha fatto propri. Il problema educativo non è stato studiato, non è stata riconosciuta la sua dimensione, responsabilità e potere sono stati accentrati in un unico soggetto. E’ stato stravolto l’art. 37 del decreto legislativo 150/2009 che “rafforza il principio di distinzione tra le funzioni di indirizzo e controllo spettanti agli organi di governo e le funzioni di gestione amministrativa spettanti alla dirigenza”, principio posto a fondamento dei decreti delegati del 74.

Affiora nuovamente la superficialità del DDL: se fossero stati presi in considerazione gli ordini del giorno che i dirigenti scolastici hanno stilato per convocare gli organismi collegiali sarebbe emersa la sistematica elusione della legge. Un esproprio, la sterilizzazione degli organi di governi che, sradicati dal loro terreno vitale, hanno perduto incisività e, di conseguenza, la partecipazione è stata scoraggiata.

Il significato del DDL governativo è: premiamo i presidi, diamo loro più potere per ricompensarli della battaglia condotta per impedire l’ammodernamento dell’istituzione.


3     Merito e premialità
Didattica e insegnamento sono i parametri indicati nel disegno di legge che il dirigente scolastico utilizzerà per valutare i docenti. Anche in questo caso la superficialità impera: la legge 53/2003 ha sostituito il termine scuola con SISTEMA EDUCATIVO DI ISTRUZIONE E DI FORMAZIONE per indicare i traguardi verso cui l’istituzione deve muovere.
La didattica e l’insegnamento assumono una propria significatività solamente se i problemi formativi, i problemi educativi, i problemi dell’istruzione sono stati affrontati e sono state prefigurate strategie risolutive. La lettura dei POF avrebbe svelato la desolante situazione in cui opera l’istituzione.

Il significato del DDL governativo è: torniamo al tempo delle note di qualifica per affermare la supremazia dei dirigenti scolastici, per incentivare la cieca obbedienza del docente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…