Passa ai contenuti principali

Auguri di Pasqua - di Francesco Lena

Auguri di una buona e dolce Pasqua, porti tanta serenità, 
accompagni con le palme, l’impegno per far trionfare la solidarietà.
La colomba bianca ha nel becco un rametto d’ulivo, porti pace, faccia sparire armi e le iniquità,
trasmetta nelle persone tenerezza, collaborazione, bene e infinita bontà.

Con la Pasqua è arrivata la primavera, le colline sono fiorite, ci sono tanti magnifici colori, da ammirare,
si sente il profumo e la bellezza della natura, custodire con amore e da rispettare.

Auguri di buona Pasqua, porti speranza alle persone più deboli, che sognano un mondo migliore,
dove prevalga il bene comune, l’uguaglianza e il bel valore della vita, ci porti armonia interiore.

Nell’uovo di Pasqua, faccia trovare una sorpresa, sia pieno di diritti e ci offra tante opportunità,
diritto per tutti i cittadini del mondo alla salute, all’istruzione e al cibo in giusta quantità.

Buona Pasqua, sono giorni dove splende un bel sole, scalda il nostro cuore,
assieme a madre terra, ci faccia sentire che siamo tutti fratelli uniti con calore.

Questa bella festa, dona sempre gioia, ci porti anche il coraggio di rimuovere le cause della povertà,
ogni persona si batta per l’equità di trattamento e, per avere pari dignità.

Buona Pasqua speciale ai bambini del mondo, perché abbiano tutti da mangiare,
sia messa fine al loro sfruttamento e, sia dato e rispettato il diritto di giocare.

Se tutto questo si avvererà,
sarà una bella Pasqua per tutta l’umanità.
Francesco Lena Via Provinciale, 37    24060 Cenate Sopra ( Bergamo ) tel. 035956434

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.