Passa ai contenuti principali

Occupazione delle scuole: quanti vaniloqui! - di Enrico Maranzana

Davide Faraone, sottosegretario all’istruzione, ha sollevato un vespaio valorizzando le occupazioni delle scuole: “ Iniziative culturali e sociali, momenti di aggregazione e di partecipazione democratica che, con quelle di oggi, hanno in comune il tema centrale intorno al quale ruotavano: la riforma della scuola di cui anche allora si discuteva».
Il fatto è significativo e inquietante: un inequivocabile sintomo del generale disorientamento e del mancato riconoscimento della mission della scuola.
Traslando la situazione in ambito sanitario se ne coglie la sostanza.

Una questione di professionalità
Finalità    
L’apparato ospedaliero tratta i degenti in base a specifici protocolli: la loro condizione di salute è da riequilibrare avendo a riferimento i valori elaborati e esplicitati per l’occorrenza.

L’apprendimento,  lo sviluppo di capacità e di competenze, sono le linee guida del sistema educativo.
Traguardi dal significato variegato:
·        apprendimento: si tratta dell’acquisizione della conoscenza o della promozione di comportamenti produttivi?
·        capacità:  da un lato chi afferma “ho le mani e perciò ho la capacità di suonare il piano” dall’altro lato chi le considera dei processi e ne esplicita l’evoluzione:  necessaria premessa alla “Programmazione dell’azione educativa”.
·        Competenze:  l’attenzione generale si concentra sull’aspetto certificativo. L’elaborazione strategica delle modalità per la loro promozione è trascurata.

Progettazione
Le èquipe mediche operano sui singoli pazienti seguendo le indicazioni terapeutiche che elaborano nel momento del loro ricovero.

La progettualità è pratica che la scuola non conosce, sorda al decreto sull’autonomia delle istituzioni scolastiche che l’ha prescritta nel 1999.
Progettare implica:
·        la definizione degli obiettivi,
·        il reperimento e l’organizzazione delle risorse,
·        la formulazione di ipotesi,
·        la concretizzazione delle ipotesi in strategie,
·        l’applicazione delle strategie,
·        l’ottenimento di risultati,
·        la capitalizzazione degli scostamenti obiettivi-risultati.
La progettualità unifica tutti gli insegnamenti: i traguardi formativi, quelli educativi e dell’istruzione sono condivisi.
E’ da abbandonare la gestione scolastica parcellizzata, come dispone la legge del 1974 che ha mutuato dalla scienza dell’amministrazione una struttura organizzativa articolata che incrocia le responsabilità dei soggetti interagenti.

Punti di vista
L’identificazione e la prescrizione dei farmaci sono compiute in base alle necessità.

 Nella scuola la scelta degli ambienti e delle occasioni di apprendimento avviene o per motivi esogeni o per le qualità dei singoli oggetti.
Il Piano nazionale scuola digitale e il coding sono d’esempio: ogni riferimento alle finalità del sistema educativo e ai canoni d’una comunicazione efficace è assente.
Emblematico il caso delle Lim introdotte a difesa della tradizionale, unidirezionale, versativa lezione.
Sul versante comunicativo/tecnologico si consideri il tema “La battaglia di Waterloo”:
§           L’origine, le date, i luoghi, i personaggi, gli effetti sono gli aspetti che qualificano l’attività scolastica.
§           Nel gioco di simulazione sulla battaglia di Napoleone si sollecitano l’analisi del campo, la modellazione, lo formulazione d’ipotesi, la loro concretizzazione in strategie, la validazione delle scelte, l’analisi critica dei piani d’attacco dei due schieramenti:  capacità e competenze di cui si sostanzia la finalità del sistema educativo.
Due mondi separati:
§           Il primo descrittivo, finalizzato alla trasmissione d’un sapere statico;
§           il  secondo  coinvolgente  e dinamico che,   utilizzando  strumentalmente  la   conoscenza, promuove comportamenti produttivi.
L’immagine delle discipline insegnate si dilata: le conoscenze sono correlate ai problemi e ai metodi risolutivi che le hanno generate.


Sono questi i temi di cui discutono gli studenti che occupano gli istituti prefigurando la scuola riformata?


La professionalità dei medici e dei docenti matura in anni di studio e di pratica:  con quale preparazione ne possono discutere malati e studenti?

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…