Passa ai contenuti principali

Valutazione dei docenti tra merito ed Alzheimer - di Elio Fragassi

In questi giorni da più parti, intorno a diverse sfaccettature e con differenti puntualizzazioni si riparla, insistentemente e per l’ennesima volta, del “merito” anche tra il corpo docente.
Da qualche parte ho sentito e letto che il lavoro del docente non essendo misurabile, quindi valutabile, non può essere ricompreso tra i lavori ricompensabili con il “merito”.
Ebbene io penso che la ricchezza, e . . . in modo particolare quella culturale e dell’intelletto, si alimenta e cresce proprio riconoscendo e coltivando le diversità e non sopravvivendo in una squallida ed insignificante omogeneità che la fa prima avvizzire e poi morire.

                    Poiché non c’è più sordo di chi non vuol sentire e cieco di chi non vuol vedere, mi piace riportare alla luce una “Provocazione d’inizio d’anno: valuta il tuo insegnante”, del prof. Pino Papa, di cui mi feci una copia, che trovai, una quindicina d’anni fa, sfogliando una rivista (mi pare “Nuova Secondaria”) poggiata nell’aula degli insegnanti.
                    La provocazione elencava i seguenti punti riferibili tutti ad una eventuale valutazione dell’insegnante, e, non mi pare cosa da poco.

1)  E' puntuale.
2)  Si assenta durante l'anno.
3)  Mostra passione per il suo lavoro.
4) Tratta con competenza la sua materia.
5)  Utilizza strumenti didattici diversificati.
6)  Sa essere chiaro e comunicativo.
7)  Fa collegamenti con altre materie.
8)  Si riallaccia alle lezioni precedenti.
9)  Sa essere chiaro e comunicativo.
10) Anticipa, a fine lezione, quella successiva. 
11) Vi fa partecipare alla scelta di qualche argomento. 
12)Tratta argomenti anche non disciplinari "sentiti" dagli allievi.   
13) Sa coinvolgere nelle lezioni.  
14) Ha senso dell'umorismo. 
15) Perde tempo durante le lezioni.
16) Rispiega a richiesta un argomento.
17) Vi fa fare delle brevi pause durante le lezioni. 
18) Effettua un numero adeguato di verifiche a quadrimestre. 
19) Distanzia i compiti con regolarità.
20) Porta a revisionare i compiti con regolarità. 
21) Rende noti i criteri di valutazione ed i voti attribuiti alle verifiche.
22) E' giusto nell'attribuzione dei voti.
23) Dà a tutti le stesse possibilità.
24) Assegna compiti a casa. 
25) Fornisce consigli per studiare meglio. 
26) Elogia giustamente chi lo merita. 
27) Sa essere severo, se necessario.
28) Favorisce le discussioni.
29) Accetta opinioni diverse dalle sue. 
30) Ammette, se capita, di aver sbagliato. 
31) Stimola il senso dell'autonomia nel formulare giudizi o nei comportamenti.
32) Stimola il senso di responsabilità. 
33) Stimola il senso critico. 
34) Stimola la creatività. 
35) Tratta gli allievi con cordialità. 
36) E' sincero quando parla agli allievi.
37) Incute timore, specie durante le verifiche. 
38) Ridicolizza chi è impreparato. 
39) Sa sdrammatizzare le situazioni. 
40) Capisce le esigenze e i problemi degli allievi.
41) E' disponibile ad ascoltare problemi personali e famigliari.
42) Sollecita attività in collaborazione con altre classi.
43) Si adopera per accrescere l'unità della classe. 
44) Chiede se siete soddisfatti del suo insegnamento. 
45) Fuma in classe.  

                    Nel frattempo sono caduti governi, sono passati ministri, sono cambiati ministeri, sono stati consumati fiumi d’inchiostro e boschi di carta per discutere nel merito del “merito” ma nulla è successo e . . . nulla accadrà perché il “merito” differenzia ed arricchisce mentre “l’anzianità” porta all’Alzheimer.

Elio Fragassi

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…