Passa ai contenuti principali

"Promettimi che mi amerai" di Monica Murphy - scheda libro di Martina Cioffo

Promettimi che mi amerai di Monica Murphy
Editore: Newton Compton
Pagine: 230
Autrice: Monica Murphy
Monica Murphy è un’autrice californiana, ha fatto diversi romanzi, tra cui la serie “One week Girlfriend”, bestsellers del “New York Times”.
Promettimi che mi amerai è il terzo libro dopo “Non dirmi un’altra bugia” e “Dammi un’altra possibilità”.
I personaggi di questo libro sono Jen e Colin.
Colin è bello, ricco e sfrontato. Potrebbe avere centinaia di donne che si buttano ai suoi piedi, ma l’unica donna che davvero vorrebbe è quella che occupa il suo cuore, che l’ha sempre occupato: Jen, la sorellina del suo migliore amico, quel piccolo bozzolo che si è trasformata, davanti ai suoi occhi, in una splendida farfalla che attira gli sguardi languidi degli uomini, uomini che lui vorrebbe strozzare.
Jen e suo fratello Danny sono sempre stati una costanza nella vita di Colin, loro tre erano una famiglia finché Danny non è morto in Iraq. In seguito il dolore ha distrutto tutto, lasciando Colin divorato da un feroce senso di colpa per non aver salvato Danny e per non aver protetto Jen.
Anche questa, come la storia di Drew e Fable raccontata nei libri precedenti, è una storia d’amore complicata, intensa e costantemente minacciata da un passato che non fa altro che inseguirli.
Colin e Jen si conosco da sempre, nel tempo il loro legame, nato come un’amicizia, si è trasformato in qualcosa di cui entrambi non riesco a parlare. Quello che c’è tra loro è troppo intenso, irrefrenabile e così sconvolgente che fa paura, e resistere all’attrazione reciproca è ancora più difficile lavorando nello stesso posto ed essendo coinquilini.
Colin c’è sempre stato per Jen e l’ha saltava in un momento della sua vita in cui tutto andava a rotoli. Ma ora Jen è decisa a are una svolta alla sua vita, deve andare avanti da sola senza il migliore amico di suo fratello pronto sempre a salvarla come un fratello maggiore... Colin, l’amore della sua vita, così vicino eppure lontano mille miglia. È tempo per Jen di allontanarsi dal passato e dai suoi sentimenti e, nonostante i tentativi di Colin di fermarla, lei sa che deve andare perché ci sono cose del suo passato che la inseguono e che potrebbero rovinare per sempre il loro rapporto.
Jen ha un passato pesante che la schiaccia come un macigno e la condiziona in ogni momento. Lei sa cosa vuol dire cadere in basso ed essere salvati. Se non fosse stato per Colin, lei non sarebbe la persona che è ora. Colin, il suo grande amore. Il principe azzurro che ogni bambina spera di incontrare. Sa che anche lui la ama, glielo legge negli occhi ogni volta che lo sorprende a guardarla o quando durante la notte lo prende tra le braccia per mettere fine ai suoi incubi. Tutto questo silenzio tra loro, questi sentimenti inespressi la logorano dentro, lei vorrebbe essere amata, vorrebbe provare la gioia di essere sua, almeno per una volta. Sa di doversene andare per imparare a sopravvivere da sola, Jen ha la costante speranza di ricominciare e di essere felice nonostante la vita ti giochi brutto un tiro.
Jen, infatti ha deciso di andarsene da casa dei suoi genitori, per vivere da sola, lavorava in un pub, non aveva posto dove dormire quindi dormiva nelle macchine con degli uomini, fino a quando Colin, il suo principe azzurro, non la salvò da tutto ciò facendola andare a vivere con lui e facendola lavorare nel suo ristorante come cameriera, insieme a Fable la migliore amica di Jen.
Fable e Drew, protagonisti dei primi due libri, saranno d’aiuti a Jen e Colin per far capire loro che all’amore non si può scappare.
Tra i due c’è attrazione e lo dimostrano quando sono a casa insieme, passando molti momenti solo loro due, ma quando c’è da parlare di loro due non come amici uno dei due scappa come se non volesse affrontare l’argomento, il più delle volte è Colin, questo è uno dei motivi per cui Jen se ne vuole andare.
Jen riesce a trovare un appartamento in un altro paesino e si fa accompagnare da Fable.
La nuova coinquilina di Jen, Angela, è molto entusiasta di avere Jen a casa con lei, ma con loro in casa c’è anche Rodge, il ragazzo di Angela.
La prima notte però non va bene e Jen è costretta a tornare a casa.
A suo ritorno finalmente lei e Colin si confessano tutto l’amore che provano l’uno per l’altro e Jen è finalmente felice.
Così si conclude Promettimi che mi amerai.
Questo libro mi è piaciuto molto, ha dimostrato che l’amore è la cosa più importante di tutte.
Ho letto tutti e tre i libri e devo dire che quello che mi ha entusiasmato di più è stato il primo.
La cosa che mi è piaciuta molto è la narrazione. Amo la doppia narrazione presente nel romanzo, trovo che permetta al lettore di immergersi totalmente in quello che provano i personaggi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…