Passa ai contenuti principali

"Ho cercato il tuo nome" di Nicholas Sparks - di Nicole Giacco

"Ho cercato il tuo nome" è un romanzo scritto da Nicholas Sparks. Il libro narra di un uomo che durante una missione trova una foto che raffigura una donna. Questa foto diventa il suo portafortuna, come afferma il miglior amico, Victor, e sostiene che Logan, il protagonista, debba sdebitarsi con questa donna. Al ritorno dalla missione Logan decide di intraprendere questo viaggio attraverso gli Stati Uniti, dove si ferma a Hampton, in North Caroline, dove incontra la donna della foto, Elizabeth. La nonna di Elizabeth, offre un lavoro a Logan, dove potrà conoscere meglio sia Elizabeth che suo figlio Ben. Logan non accenna nulla sulla foto ad Elizabeth, a causa dell'attrazione che prova per lei. La foto causa vari incovenievoli alla loro storia d'amore, ma anche l'ex marito della giovane donna si intromette nella vita privata della donna anche dopo il divorzio.
Ben, un giorno tempestoso, decide di andare sulla casa sull'albero, quasi instabile, infatti il ponte di rompe e Logan e il padre di Ben corrono in suo aiuto, Logan regala a Ben la foto cosicché lo possa proteggere, infatti solo il padre del bambino muore.
Questo libro è stato molto piacevole e pieno di sospance. Gli episodi narrati più interessanti sono stati i racconti della guerra di Logan, di come sia sopravvissuto, della morte di due suoi compagni, delle loro condizioni. La cosa che più mi ha stupito è il fatto che la guerra continua, nel senso che se anche loro non sono in guerra fisicamente, la loro mente è li, i ricordi sono sempre con loro, la paura di essere attaccati anche se non sono in guerra. Difatti, Victor, prima della sua morte confessa a Logan tutte queste paure.
Logan mi è apparso come un uomo che sa quello che vuole, fermo e deciso, chiuso in se stesso ma mai timido. Il contrario di Elizabeth, una donna piena si insicurezze, che ha paura di relazionarsi con un uomo. Smette anche di seguire il suo sogno per occuparsi della nonna, che dopo la morte dei genitori è stata una figura importante. La donna ha subito delle mancanze, i genitori e il fratello morto in guerra.
Quando i due protagonisti si incontrano lei non di fida, ma è attratta da lui come lui è attratto da lei.
Nicole Giacco 2G

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…