Passa ai contenuti principali

“Non dirmi un’altra bugia” di Monica Murphy - di Marta Armelloni

RECENSIONE DEL LIBRO
Il bellissimo libro di Monica Murphy “Non dirmi un’altra bugia”, poi seguito da “Dammi un'altra possibilità”, è un romanzo d’amore che coinvolge i lettori.
I protagonisti sono Drew Callahan e Fable, lui bellissimo ragazzo ricco, la stella della squadra di football, infatti tutte le ragazze lo desiderano, ma sembra che nella sua vita non ci sia spazio per l’amore, fino a quando si innamora di Fable.
Lei è una bellissima ragazza, che ha già avuto diversi fidanzati, ma nessuno le ha fatto veramente battere il cuore. Fable ha dovuto lasciare gli studi per iniziare a lavorare come cameriera in un bar per occuparsi del fratellino adolescente Owen e della madre disoccupata e sempre ubriaca.
Drew e Fable si conoscono nel bar dove lei lavora e in cambio di una somma di denaro, le chiede di fingersi per una settimana la sua ragazza e trascorrere la festa del Ringraziamento nella villa di famiglia. Fable accetta perché sa che quei soldi le faranno comodo,sapendo che questa storia sarà solo una finzione.
Drew passa a prendere Fable con il suo pic up, per la maggior parte del viaggio restano in silenzio, imbarazzati, poi iniziano a parlare per fare in modo di rispondere ugualmente alle domande del padre e della matrigna di Drew.
Appena arrivati nella villa Fable è strabiliata dalla grandezza della casa, invece Drew sembra triste per dei ricordi; quindi si accordano per darsi una mano a vicenda scrivendo un messaggio all’atro con la parola in codice “MARSHMALLOW”.
Fable nota che la matrigna di Drew, Adele, la osserva come se la disprezzasse soprattutto per il suo abbigliamento casual.
Drew non vuole badare a spese per mettere sotto una buona luce Fable, allora per una cena al country club con la famiglia la porta a fare shopping, le comprerà un vestito adatto alla serata; quando lo indossa lui rimane abbagliato, è sempre più convinto che Fable è una bellissima ragazza.
I due ragazzi passano una settimana intensa nella villa della famiglia di Drew, piena di segreti svelati, amore e finzione; però si coinvolgono troppo in questa finta relazione, infatti si innamorano l’uno dell’altra.
Appena tornati ciascuno a casa propria,lui cerca di allontanarsi da Fable però si rende conto che non può fare a meno di lei; il giorno dopo il rientro Drew si sveglia e trova un messaggio con la parola in codice, allora va subito a casa di Fable che lo invita a restare con lei.
Fable è molto dolce e innamorata infatti vuole scacciare i drammi successi in passato con Adele dalla mente di Drew che però respinge l’aiuto; lui si chiude in se stesso come ha sempre fatto davanti ai problemi.
Al mattino quando Flabe si sveglia non trova Drew al suo fianco, vede un biglietto in cui lui dichiara il suo amore e nello stesso tempo la consapevolezza che per ora tra loro non potrà esserci niente. Lei con le lacrime agli occhi si sente più grande e matura e ha la certezza che Drew la ama, come lei ama lui.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…