Passa ai contenuti principali

Fare volontariato fa bene - di Francesco Lena

Fare volontariato oggi è importante più che mai, c'è ne veramente tanto bisogno. Deve partire da un sentimento interiore di spontaneità, di libertà, di generosità e dalla propria coscienza, di impegno gratuito per gli altri. Entrare a far parte in qualche associazione di volontariato bisogna crederci, per dare il proprio contributo umano, professionale, economico e sociale, richiede tempo, sacrificio e tanta volontà, per dare assistenza, prendersi cura degli altri, dei più deboli, dei più bisognosi.Fare volontariato dev'essere, aiuto concreto e solidale, quello che fa scoprire e portare avanti, i grandi valori dell'umanità, metterli in pratica, quelli che fanno crescere culturalmente e socialmente come cittadini del mondo e come persone, in Italia abbiamo tante associazioni di volontariato, è una grande risorsa umana,anche una grande ricchezza per i servizi-sociali resi alle persone bisognose, questo fa onore all'Italia, sono da apprezzare e valorizzare.
Vorrei fare con semplicità, alcune considerazioni sull'associazione umanitaria EMERGENCY, fondata da Gino Strada nel 1994, che si occupa gratuitamente delle cure mediche, chirurgiche, per i poveri e per le persone vittime delle guerre, conflitti, promuove anche con determinazione e concretezza, una cultura di solidarietà, di pace,di rispetto dei diritti umanitari e di una equa distribuzione delle risorse economiche nel segno dell'uguaglianza, il diritto alla salute sia per tutti i cittadini del mondo. Dal 2005 EMERGENCY opera anche in Italia per garantire a tutti il rispetto di essere curati, con la collaborazione di altre associazioni sparse sul territorio italiano.
Ora vorrei dire due parole su una associazione di volontariato, la “BDK”, con sede a Cenate Sotto in provincia di Bergamo, lo scopo di questa associazione è di raccogliere fondi per finanziare progetti di beneficenza, organizzando iniziative ricreative e feste aperte a tutti. Negli ultimi anni si sono impegnati per EMERGENCY, collaborando con la sezione di Bergamo. Devo proprio dire che è un gruppo di ragazzi fantastici, animati da entusiasmo, passione, voglia di fare per gli altri, per il bene comune. Tutti gli anni organizzano una festa in paese, preparando del mangiare molto buono e anche di una bella musica, questo riescono a farlo, utilizzando parte delle proprie ferie e tutto per raccogliere fondi da donare ad EMERGENCY, bravi ragazzi e complimenti. Lo fanno con grande impegno, sacrificio, sapendo di farlo nella condivisione degli obiettivi con EMERGENCY, di fratellanza, di pace e di solidarietà. Questi ragazzi, al di la di tutti gli egoismi e indifferenza che c'è nella società di oggi, danno veramente un bel esempio di protagonismo concreto, stanno dando la priorità di fare del bene, con i loro progetti per rispondere direttamente ai bisogni dei meno abbienti, dei più deboli, dei più bisognosi. Sono ragazzi veramente in gamba, hanno scelto di portare avanti i valori veri e di alta civiltà, di dare il loro contributo per costruire una società migliore, più giusta, una società dove tutti possano vivere un po' meglio, lo sentono come un dovere morale.
Poi cari cittadini fare del bene fa veramente bene, sia a chi lo riceve, ma anche a chi lo fa.
Francesco Lena Via Provinciale, 37
24060 Cenate Sopra ( Bergamo) tel. 035956434

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…