Passa ai contenuti principali

Scuola: abolite le “gite” scolastiche! - di Gennaro Capodanno

Le “gite” scolastiche, tanto in voga in questo periodo e che pomposamente, nel linguaggio burocratico, vengono denominate visite guidate o viaggi d’istruzione, vanno abolite, perché non hanno più alcuna ragione d’essere, creando solo disagi e problemi.
Alle scuole, che sovente non ricavano un’immagine positiva dall’esportazione di un modello quale quello rappresentato dagli studenti fuori dalle mura scolastiche; alle famiglie, specialmente quelle numerose, che ai nostri giorni non possono sopportare l’ulteriore carico di spesa che, viste le note carenze dei bilanci scolastici, cadono quasi integralmente su di esse. Certo c’è anche chi trae vantaggio dal giro d’affari legato a questo comparto. Ma che senso ha, senza peraltro un’idonea preparazione, solo per esemplificare, mandare un’intera scolaresca ad assistere ad uno spettacolo teatrale in un contesto che appare, anche per la tipologia della rappresentazione, del tutto avulso dalla cosiddetta programmazione didattica? Non sarebbe più opportuno, senza perdere ulteriori giorni di proficue lezioni, organizzare nella scuola gratuitamente corsi, seminari, dibattiti sulla legalità, sconvolgendo magistrati e rappresentanti delle forze dell’ordine? Ci auguriamo che l’attuale ministro della P.I. voglia emanare apposite disposizioni in materia tese ad abolire un istituto che, così, come è oggi concepito, risulta del tutto inutile e, in qualche caso, dannoso, senza lasciare tale decisione alla discrezionalità delle singole istituzioni scolastiche.

Gennaro Capodanno

gennarocapodanno@gmail.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.