Passa ai contenuti principali

La generazione del "mordi e fuggi" - di Laura Alberico

Le recenti notizie di cronaca portano alla luce i comportamenti trasgressivi di molti adolescenti. Come sempre si cerca di trovare le cause del disagio, ci si interroga su come e perché  questa società abbia stravolto radicalmente le naturali tappe biologiche della crescita determinando conseguenze così distruttive e alienanti.
L'uso, anche in età molto giovane, della droga, la mercificazione del proprio corpo in modo sbrigativo e inconsapevole rappresentano il dettato consumistico che rende schiavi dell'apparenza e della fame virtuale di una comunicazione sempre più povera di emozioni e sentimenti. La crisi dell'istituzione familiare ha privato i giovani di importanti punti di riferimento che, nel periodo adolescenziale rappresentano modelli da imitare e dai quali trarre validi insegnamenti per il futuro. Una generazione che guarda solo al presente, al dio denaro che rende felici e con il quale si può trasgredire o  annullarsi non è certamente dotata di maturità e consapevolezza se si considerano anche i danni neurologici che le sostanze stupefacenti provocano inibendo lo sviluppo della corteccia prefrontale ( area destinata al controllo delle spinte istintuali e alla pianificazione del comportamento ). Le scelte di tanti giovani sembrano dettate dall'impulso del " tutto e ora", agire senza maturare una riflessione o un coinvolgimento intimo. Manca l'alfabetizzazione emotiva che lega il corpo alla mente e viceversa, quel percorso di conquiste ed errori necessario per crescere e sviluppare autonomia e senso critico. In questo mondo gravido di parole le stesse hanno perso il loro significato, contratte nel linguaggio simbolico della comunicazione tra i pari non esprimono più emozioni ma soltanto azioni, spesso aggressive, segnali allarmanti di una fragilità che si nasconde dietro la corazza dell'apatia o della violenza. La famiglia e la scuola possono e devono prendersi carico dei segnali di disagio più o meno manifesti, interpretarli significa offrire valide opportunità di crescita. L'obiettivo comune e' quello di restituire  ai giovani la dimensione che a loro compete, l'età del passaggio e del cambiamento senza bruciare le tappe per diventare soltanto l'immagine sbiadita di una innaturale metamorfosi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…