Passa ai contenuti principali

L'ITP (insegnante tecnico pratico) deve avere il registro elettronico! - di Paolo Latella

L'ITP (insegnante tecnico pratico) deve avere il registro elettronico! La deportazione non è ancora iniziata e non accadrà!

Ecco cari colleghi un altro esempio di "mala" scuola: 

Sto ricevendo da tutta Italia, dall'inizio dell'anno scolastico, diverse richieste di chiarimenti in merito al fatto che viene negato il registro elettronico agli ITP(insegnanti Tecnico Pratici).
In diversi istituti tecnici e professionali, con l'introduzione del registro elettronico, a molti docenti tecnico pratici (ITP) viene tolto e negato il registro secondo un'allegorica interpretazione da parte di alcuni presidi kapò. 

Ricordo a questi "emeriti" dirigenti, non so se definirli personaggi gattopardiani o quaquaraquà che il decreto legislativo 1277/48 introduce nel Comparto Istruzione italiano il profilo dell’Insegnante Tecnico Pratico (ITP) il cui titolo di accesso all’insegnamento è il Diploma quinquennale;

ai sensi dell’art.5 della Legge 124 del 1999 viene riconosciuta al profilo dell’ITP piena autonomia e completa priorità di voto sia in sede di valutazione sia nelle operazioni di scrutinio, dotando lo stesso di registro personale, al pari degli altri docenti;

al profilo dell’ITP viene affidata la responsabilità di conduzione delle attività di laboratorio nelle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado, dapprima in piena autonomia e successivamente, con ore parziali, in compresenza riconoscendogli, giuridicamente ed economicamente, il ruolo e la dignità di “docente”;

le attività didattiche cosiddette “tecnico-pratiche”, ancorché in compresenza, si svolgono nei laboratori alla presenza di un assistente tecnico di laboratorio che, non appartenente al profilo docente ma al personale ATA, al quale spetta di provvedere alla preparazione del materiale e degli strumenti per le esperienze didattiche e per le esercitazioni pratiche nonché il riordino e la conservazione del materiale e delle attrezzature tecniche, mentre la conduzione dell’attività didattica è esclusiva competenza dell’insegnante tecnico pratico nella sua funzione e ruolo di docente;

il profilo di ITP opera in sinergia, e mai in subordine nè gerarchico né funzionale, col docente teorico condividendo, insieme, strumenti , criteri ed obiettivi sia didattici che valutativi;

l’ITP in virtù dei livelli operativi succitati, si configura come un profilo appartenente al ruolo docente e non va confuso con la figura dell’Assistente di Cattedra soppressa fin dal 1999, o con quella dell’Assistente Tecnico, appartenente al ruolo ATA (Ausiliari, Tecnici, amministrativi);

Gli ITP sono docenti devono avere il registro elettronico con tanto di firma e argomento trattato!

Forse qualche preside ha scambiato la norma sul demansionamento come una vera deportazione... strano cari colleghi ITP che non vi abbiano ancora  obbligato ad indossare la fascia al braccio con scritto ITP... (grazie al Governo Berlusconi - Ministro Gelmini, al Governo Monti - Ministro Profumo e adesso il Governo Letta - Ministro Carrozza... anche se quest'ultimi hanno promesso che nella conversione in legge del decreto Scuola cancelleranno la norma del demansionamento dei docenti inidonei e degli iTP).

Insomma se qualche dirigente vi tratta in questa maniera avvisate il vostro sindacato e le RSU della vostra scuola e se nel caso di risposta negativa contattatemi su unicobas.lombardia@gmail.com e vi aiuterò a denunciarlo.

Ci sono già sentenze in merito al demansionamento in Ata cari colleghi ITP che vi danno ragione.

Buona scuola a tutti!

prof Paolo Latella
Segretario Unicobas Scuola Lombardia


prof. Paolo Latella
Docente di lab. di informatica gestionale c/o l'ITE A. Bassi di Lodi
Iscritto:
Albo dei Consulenti Tecnici del Giudice del Tribunale di Lodi (Italia)
Ordine Nazionale dei Giornalisti di Roma - elenco pubblicisti della Lombardia
Ass. Nazionale Carabinieri

Attualmente è il Segretario regionale Unicobas Scuola Lombardia

Cell: 3386389450
sito dello studio: http://www.studiosip.it
blog didattico: http://paololatella.blogspot.com
blog sindacato Unicobas: http://unicobaslodi.blogspot.it

Chi è Paolo Latella: http://unicobaslodi.blogspot.it/p/chi-e-paolo-latella.html 

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…