Passa ai contenuti principali

Le piante, organismi sociali - di Laura Alberico

Diecimila anni fa l'uomo ha dato origine alla civiltà cominciando a coltivare le piante; da nomade e' diventato stanziale ed ha capito che il territorio era una risorsa da sfruttare per la sua esistenza. Le prime comunità umane hanno iniziato quel lento processo di socializzazione che ha trasformato la società e la sua struttura organizzativa.
Le piante rappresentano il primo legame dell'uomo con la terra, considerata una madre perché da essa proviene la vita e la possibilità della sopravvivenza.  Lo stesso C. Darwin, nel libro  "Il potere delle piante" affermava: "sono convinto che nell'apice radicale ci sia qualcosa di simile al cervello di un organismo inferiore". Questo concetto espresso nel 1870, alla luce delle ricerche più recenti, ci mostra come le piante ( considerate a torto, prive di sensibilità) possiedono una propria forma di coscienza e di intelligenza primitiva che le spinge muoversi e a orientarsi. L'apice radicale di ogni organismo sembra rappresentare un  centro di comando, l'energia potenziale della vita che desidera affermarsi e completarsi. La diffusione delle piante sulla terra e' enorme se si pensa che il rapporto piante-animali e del 98 per cento. Il disboscamento e gli interventi dell'uomo sull'ambiente hanno profondamente modificato gli equilibri che stabilivano relazioni paritarie tra i  viventi. Gli spazi vitali che molto tempo fa consentivano all'uomo e agli organismi una produttiva ed equilibrata convivenza sembrano assottigliarsi sempre di più. L'uomo ha purtroppo perso il suo legame originario con la terra e certamente con esso anche quella forma primitiva di socialità e aggregazione che rende la natura amica e compagna di vita. Riallacciare i contatti con la natura significa imparare di nuovo  a " coltivare" cioè avere cura, assistere, sostenere, far crescere l'istinto innato di una sociale convivenza.

Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…