Passa ai contenuti principali

Le piante, organismi sociali - di Laura Alberico

Diecimila anni fa l'uomo ha dato origine alla civiltà cominciando a coltivare le piante; da nomade e' diventato stanziale ed ha capito che il territorio era una risorsa da sfruttare per la sua esistenza. Le prime comunità umane hanno iniziato quel lento processo di socializzazione che ha trasformato la società e la sua struttura organizzativa.
Le piante rappresentano il primo legame dell'uomo con la terra, considerata una madre perché da essa proviene la vita e la possibilità della sopravvivenza.  Lo stesso C. Darwin, nel libro  "Il potere delle piante" affermava: "sono convinto che nell'apice radicale ci sia qualcosa di simile al cervello di un organismo inferiore". Questo concetto espresso nel 1870, alla luce delle ricerche più recenti, ci mostra come le piante ( considerate a torto, prive di sensibilità) possiedono una propria forma di coscienza e di intelligenza primitiva che le spinge muoversi e a orientarsi. L'apice radicale di ogni organismo sembra rappresentare un  centro di comando, l'energia potenziale della vita che desidera affermarsi e completarsi. La diffusione delle piante sulla terra e' enorme se si pensa che il rapporto piante-animali e del 98 per cento. Il disboscamento e gli interventi dell'uomo sull'ambiente hanno profondamente modificato gli equilibri che stabilivano relazioni paritarie tra i  viventi. Gli spazi vitali che molto tempo fa consentivano all'uomo e agli organismi una produttiva ed equilibrata convivenza sembrano assottigliarsi sempre di più. L'uomo ha purtroppo perso il suo legame originario con la terra e certamente con esso anche quella forma primitiva di socialità e aggregazione che rende la natura amica e compagna di vita. Riallacciare i contatti con la natura significa imparare di nuovo  a " coltivare" cioè avere cura, assistere, sostenere, far crescere l'istinto innato di una sociale convivenza.

Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…