Passa ai contenuti principali

L’autovalutazione d’istituto: quanta confusione! - di Enrico Maranzana

L’autovalutazione di istituto è un adempimento il cui contenuto è variegato.

In molte scuole il suo significato coincide con customer satisfaction, appagamento soppesato con l’utilizzo di questionari compilati dai soggetti che interagiscono col servizio scolastico.                                                                          
Un errore da matita blu

 Negli scaffali delle librerie sono apparse molte pubblicazioni per orientare le scuole alla messa a punto di procedure che rispondono alle recenti richieste ministeriali in materia di valutazione. 
A titolo esemplificativo si consideri “L’autovalutazione di istituto” edito da Guerini e associati il cui sviluppo evoca quanto avvenne nel 1962 alla sonda Mariner 1: la missione spaziale fallì nonostante le sofisticatissime apparecchiature di cui era dotata; aveva perso l’orientamento. Nel libro i fini sono stati sostituiti dai mezzi: la legge, che finalizza l’istituzione scuola alla promozione delle capacità dei giovani ATTRAVERSO le conoscenze, è elusa.
                                                            La linea blu è tracciata due volte

Il D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 caratterizza il processo di autovalutazione enunciando le fasi del suo sviluppo. All’Invalsi è demandato l’onere di definire gli indicatori di efficacia e d’efficienza e di predisporre un quadro di riferimento che le scuole utilizzeranno per vagliare la propria azione.
Esso costituirà  il  riferimento primario, il faro sia del servizio scolastico, sia per la  formulazione di un piano di miglioramento.
Un sovvertimento irrazionale dell’organigramma, una delega in bianco: un organo di staff/di consulenza è interposto tra il Miur e le scuole, sovraordinandolo a queste.
Tre sottolineature blu

Eppure la sola lettura della titolazione dell’art. 2 della legge 53/2003 sarebbe stata risolutiva e avrebbe eretto un argine ai grossolani errori commessi: l’idea “Scuola” è stata superata e sostituta dal concetto “Sistema educativo di istruzione e di formazione”.

La visione sistemica restituisce nitido il significato di autovalutazione facendolo coincidere con feed-back, con autoregolazione, con retroazione, con controllo.

Il controllo è strumento essenziale per il governo della scuola. Esso è da esercitare non solo sullo stato terminale dei processi scolastici ma è da costituisce su tutti i nodi decisionali per
§         valutare la fattibilità dei progetti                     (controllo antecedente)
§         seguirne l’evoluzione, monitorandoli           (controllo concomitante)
§         soppesarne l’efficacia                                     (controllo susseguente)
§         osservare l’effetto nel lungo periodo            (controllo dell’evoluzione)
Per l’esercizio del controllo è necessario
§         disporre di un’appropriata struttura organizzativa [CFR in rete “Coraggio! Organizziamo le Scuole”; “Quale formazione per il dirigente scolastico?”];
§         assegnare a ogni organo decisionale uno specifico mandato espresso sotto forma di risultato atteso  [Il primo raffinamento è visibile in rete “La scuola rivedrà le stelle?”];
§         mettere a punto un sistema di comunicazione non ambiguo: i termini utilizzati devono avere univoco significato   [CFR in rete “Non dimentichi d’esser donna di scienza”].


Il rispetto della volontà espressa del legislatore che ha valorizzato l’unitarietà e l’interdipendenza dei processi scolastici restituisce al lavoro dei docenti la dignità perduta e fa riconquistare alla scuola il prestigio di cui godeva nel secolo scorso.
 
Una riqualificazione che nasce dai seguenti germi di cambiamento:

§         la mission del sistema educativo diverge sostanzialmente dalla mission universitaria [Il DPR sul regolamento del sistema nazionale di valutazione continua a considerare la scuola satellite dell’università, non avendo colto questa profonda difformità];   
§         l’autonomia delle istituzioni scolastiche che “si sostanzia nella progettazione e nella realizzazione di interventi di educazione, formazione e istruzione mirati allo sviluppo della persona umana” trova nel nuovo contesto un favorevole terreno di sviluppo;            
§         la complessità e la variabilità del compito assegnato agli istituti scolastici è stata riconosciuta: l’attività docente si caratterizza per la progettualità, per la collegialità, per la ricerca e per la sperimentazione;
§         il dirigente scolastico non è  più visto come un tuttologo: i suoi compiti afferiscono principalmente all’unità dell’istituzione e al mandato conferito agli organismi collegiali e ai docenti di cui deve garantire il rispetto;
§         l’assegnazione di specifiche problematiche da affrontare e da risolvere agli organi della scuola elimina l’indeterminatezza che ha sterilizzato la partecipazione: l’origine e il senso delle decisioni/azioni sono espliciti.
§         l’indebita intromissione dell’Invalsi nella fase di determinazione dei traguardi formativi, educativi e dell’istruzione è respinta: la relativa elaborazione avviene nel solco Miur-scuola.
L’attività dell’istituto di valutazione riguarderà esclusivamente il controllo susseguente che avrà come unico riferimento i POF degli istituti. In particolare i test nazionali saranno modulati per accertare l’intensità delle competenze generali e delle competenze specifiche che le scuole hanno dichiarato nel documento di programmazione e che hanno indotto con la loro azione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…