Passa ai contenuti principali

"Io canto per riempire l'attesa" di Emily Dickinson - Laura Alberico

Settembre è il mese ideale per avvicinare una poetessa come Emily Dickinson. Settembre è il mese delle luci e delle ombre che si toccano senza provocare contrasti, anzi proprio nel loro manifestarsi esprimono l’essenza catartica di vitalità diffusa e palpitante, come i versi di Emily.
E’ la poesia che sparge sentimento come seme destinato a dare frutti assorbendo lentamente la forza necessaria dalla terra per crescere e tendere sempre verso l’alto.
La concretezza quasi infantile della poesia sembra ingigantire pian piano una voce sommessa ma limpida che offre, con una semplicità quasi disadorna, il respiro profondo dei sentimenti più veri. “Io canto per riempire l’attesa” è una voce dai toni caldi e pacati che accompagnerà la poetessa per tutta la vita, una esistenza umile e riservata, nutrita e sostenuta sempre dalle immagini della natura, una natura amica che riscalda il cuore e accoglie le luci e le ombre, la vita e la morte, per dare un respiro forte e vigoroso all’anima. Dalla vita della poetessa possiamo comprendere le emozioni più profonde che si sono concretizzate nei suoi versi:  la solitudine e l’abbandono, la rinuncia e il riscatto, il dolore e la sua pura e libera  interpretazione.  Emily Dickinson visse isolata dal mondo, nelle quattro mura della sua stanza, fece del colore bianco la sua bandiera indossando sempre vestiti di questo colore. Ed è proprio nei sentimenti contrapposti, nel desiderio di cogliere la vita ma di temere la sua caducità e quindi la morte che la poetessa osserva e interpreta i  propri sentimenti. In  un connubio felice tra fantasia e realtà, immaginazione e ricordi, l’apparente fragilità della sua poesia diventa una solida costruzione nella quale conservare e alimentare i segreti più profondi della vita e del suo divenire.

“ Io canto per riempire l’attesa
   annodarmi la cuffia,
   richiudere la porta di casa,
   nient’altro mi resta da fare,
   finchè risuoni vicino il suo passo,
   e insieme si cammini verso il giorno,
   narrandoci a vicenda come abbiamo cantato
   per scacciare la tenebra.”

Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…