Passa ai contenuti principali

Il fanciullo teledipendente -. di Daniele Sammartino

TEMA VACANZE- Daniele Sammartino
La scoperta, seguita ad apposite indagini statistiche, del fanciullo “teledipendente” è oggetto di sempre più preoccupate considerazioni di sociologi e pedagogisti, che vedono nella presenza invadente del mezzo televisivo la causa di precoci distorsioni educative.

Qualcuno d’importante, che preferisco non citare, disse che la droga è la speranza di chi speranza non né ha più; bene, io asserisco che la televisione è la speranza che qualcosa succeda.
Penso che, innanzitutto, sia necessario spiegare che cosa s’intende con il termine “videodipendenza “ o “teledipendenza”. Si tratta di una forma di dipendenza psichica, caratterizzata dalla natura compulsiva del soggetto, che guarda esageratamente la televisione.
Quest’ultima è un mezzo di comunicazione, d’informazione e d’intrattenimento, ed è certamente una delle più grandi invenzioni del xx secolo. Intendo premettere che ritengo la televisione utilissima per molteplici ragioni: ci permette di apprendere, di sentire quasi in tempo reale notizie relative ad eventi avvenuti ai confini del mondo, ci fa divertire e, soprattutto soffrire con trasmissioni di varietà. Ah, dimenticavo, consente a molte aziende di guadagnarsi un tozzo di pane, tramite la noiosa e sempre più banale pubblicità. Come faremmo senza? Direi che è proprio una bella domanda, probabilmente non lo sapremo mai… O forse sì! Ormai siamo così tanto assuefatti da essa, che ne sentiamo la mancanza dopo un arco di tempo sempre più ridotto. Che tristezza! La vita è altro; non possiamo riuscire ad ammirarne le stravaganze in prima persona se non abbandoniamo la nostra umile dimora. E con l’abbandonare il proprio giaciglio, non intendo l’andare in quello degli altri per osservare irrequietamente il derby, ma aprirsi al mondo; fare quattro passi alla ricerca di un amico, o di una persona “veramente” importante è consigliato a chi è desideroso di raggiungere l’auto realizzazione personale.
I dati statistici sono veramente allarmanti. Il problema della teledipendenza colpisce maggiormente i bambini e gli adolescenti. Ma come ha inizio tutto ciò? Perché un bambino decide di abbracciare l’apatia?
Io l’ho sempre detto, i bambini sono l’unica speranza di questo mondo apparentemente prosaico. Insomma, ridono e giocano e allegramente scoprono, passo dopo passo, ciò che in teoria e in pratica non dovrebbero scoprire: come vive un adulto.
Ed è proprio in quel funesto momento che tutto cambia. Da bambini, si vive spensierati e si rimane illesi da qualsiasi trappola sociale. Il fanciullo è mosso dalla curiosità, peculiarità che caratterizza il genere umano e che ha reso “Ulisse” un uomo libero, tanto per fare un esempio. Il pargolo s’interroga sulla realtà, e si pone una domanda fatale: esiste l’irrealtà? Dopo tutto se esiste una perché non dovrebbe esistere anche l’altra. Inizia quindi a sognare e con il pensiero va oltre l’immaginabile.
Arriva, però, quel momento in cui devi crescere. Ti insegnano spesso che per farlo devi smettere di sognare, devi agire. Così, tutto ciò che ti sta intorno, sembra perdere magia. Il cortile dove giocavi con gli amici è diventato troppo piccolo, le storie d’avventura che ti piacevano tanto sono diventate troppo avventurose. Gli amici non si dimostrano tali.
La vita è diventata  terribilmente banale, e vorresti qualcosa di nuovo, di sempre nuovo, che ti possa conquistare continuamente. Vuoi compagnia perché sei da solo con te stesso. Allora, prendi il telecomando e accendi la tele.
Migliaia d’immagini scorrono davanti ai tuoi occhi e, incredibilmente, riescono a stupirti. “Casualmente “ trasmettono ciò che ti colpisce, ciò che ti tiene incollato allo schermo. Ogni giorno torni da scuola, e fai quello che hai fatto il giorno prima. I tuoi ex amici escono, ma tu rifiuti ogni sorta di invito; è molto meglio giocare ai videogame, sempre nuove partite, sempre nuove emozioni. Perdi, e partita dopo partita, la scritta GAME OVER ti entra nella testa. Devi vincere tu, non uno stupidissimo computer. Giochi, giochi e rigiochi, finché non sei diventato più bravo, finché non hai raggiunto il punteggio più alto. Ti emozioni quando vinci un premio virtuale, e sei contento perché tutto ciò che vuoi è emozione. I genitori intervengono tardi e ti chiedono di spegnere, ma dopotutto stai finendo l’ultima partita, ci impiegherai solo dieci minuti a concluderla. Ma, quei dieci minuti, diventano venti e poi trenta, quaranta, un’ora, due ore, tre ore. Ormai non pensi ad altro, sei diventato un fossile. Una persona acritica, che guarda la TV imperterrita. Accetti tutto ciò che la televisione ti dice, come se fosse la personificazione di un Dio sceso in terra. La tua felicità aumenta quando vieni a scoprire che stanno trasmettendo il tuo programma preferito, ma tutto a un tratto, ti rendi conto che tutti i programmi sono diventati i tuoi preferiti. Non scegli più niente, tranne ciò che vuoi guardare e hai una voglia incredibile di acquistare i prodotti che presentano le pubblicità. Inizi ad avere paura, poiché ciò che senti di iniquo nei film o nei telegiornali, potrebbe accadere misteriosamente anche a te. Il tuo mondo non esiste più; esistete tu e quel oggetto.
A parer mio, gli unici che possono aiutare questi ragazzi sono i genitori e gli amici. I primi, soprattutto, devono intervenire velocemente, non solo perché  stare attaccati alla TV a lungo fa male alla salute (può addirittura causare attacchi di panico o attacchi epilettici), ma anche perché, come affermano i sociologi, i pedagogisti e in generale tutti coloro che si occupano dell’ambito dell’infanzia e dell’adolescenza, tale dipendenza può causare dei problemi in ambito educativo e di socializzazione. Tutto ciò può essere molto pericoloso per  il ragazzo, che rischia di chiudersi in sé stesso, non apprezzando tutto ciò che la vita ha da offrirgli. Consiglierei al genitore di rivolgersi a uno specialista qualificato prima che la dipendenza peggiori.
Guardare la televisione, spesso, ci permette di comprendere meglio ciò che ci circonda e rappresenta uno dei modi più rapidi per apprendere nuove nozioni. Occorre comunque che i “grandi” stiano attenti alle trasmissioni osservate dai più piccini, poiché è facile imbattersi in programmi volgari e non adatti ai minori. È bene tener presente che si consiglia di non guardare la TV per più di tre ore al giorno. Se fossi un genitore cercherei di stimolare mio figlio a fare attività più creative, come leggere un buon libro o dipingere un bel paesaggio, poiché entrambe sviluppano molto la fantasia. ah, che sbadato, dimenticavo l' utilissima attività sportiva, dopotutto è meglio vincere una partita di calcio con gli amici, che un match con la playstation.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…