Passa ai contenuti principali

La disgrazia - di Daniele Sammartino

Agatha  Christie
Il meglio dei racconti

 La disgrazia - Daniele Sammartino

Trama

Il capitano Haydock e l’ex ispettore Evans, amici e vicini, stavano discutendo animatamente di una vecchia “cause célèbre”.
Infatti circa nove anni prima, un loro carissimo amico e vicino di casa,  di nome Anthony morì avvelenato in circostanze misteriose. Venne accusata e processata l’unica indagata, la bella e seducente signora Merrowdene, moglie della vittima.
Dalle analisi e dalle testimonianze, si scoprì che Anthony aveva l’abitudine di assumere dell’arsenico, che gli veniva servito, regolarmente, dalla sua amata “mogliettina”. Un giorno la vittima ne prese una dose eccessiva, ma l’errore fu suo o della moglie?
Questo era l’astruso e inquietante interrogativo che si ponevano l’infallibile segugio Evans e lo scettico Haydock. Evans era l’unico che non credeva nella disgrazia.
Alla fine del processo, comunque, la donna venne assolta per mancanza di prove a suo carico.
Tre anni dopo l’incidente, Quest’ultima si risposò e, casualmente, il nuovo marito, il signor Merrowdene era un appassionato di chimica, che amava fare esperimenti con l’arsenico e altre sostanze tossiche. Poteva, forse, essere in pericolo?
Evans era molto preoccupato per la sorte del nuovo marito di quella donnaccia; Haydock se ne accorse e lo dissuase dal interessarsi a quella brutta, ma allo stesso tempo, interessante e curiosa faccenda irrisolta.
Ma un vero ex ispettore doveva andare fino in fondo, o almeno, ci doveva provare.
Fortunatamente, il giorno dopo il colloquio fra i due protagonisti, Evans ricevette un invito dalla signora Merrowdene, che stranamente lo sollecitava ad andare nella sua dimora a sorseggiare un po’ di tè. Era un’ottima occasione per scoprire qualcosa di più su quella insolita donna.
Evans venne fatto accomodare in salotto, mentre la signora Merrowdene si recò nel laboratorio di chimica del marito. Tornò pochi minuti dopo con tre tazzine in mano. Si scusò dicendo che lei e il signor Merrowdene usavano bere il caffè  in quella stanza .Questa strana usanza venne confermata anche dal marito, che parlava dal laboratorio. Evans controllava i movimenti della donna, mentre preparava la bevanda. Una volta pronto, la donna versò il tè nelle tre tazzine. Ne porse una a Evans, una la tenne per sé, e l’altra la mise su un tavolino vicino a una poltroncina (era per il marito ovviamente). Mentre  portava la tazzina a destinazione, Evans notò un sorrisetto sul visino della donna, come se fosse compiaciuta da quel semplice gesto. Era molto astuta; aveva pulito bene due delle tazzine, ma in una c’era sicuramente una dose di arsenico. Una volta ucciso il marito, avrebbe potuto giustificarsi dicendo che era stata una disgrazia; dopotutto un po’ di arsenico poteva pur cadere “casualmente” in una delle tazzine durante gli esperimenti del suo consorte. Era assolutamente un piano geniale. Il signor Merrowdene era ancora in laboratorio, era impegnato a fare il suo lavoro.
Evans cercò di sventare il piano della donna, sollecitandola a bere  il tè dalla tazzina destinata al marito e facendole capire di sapere del suo ingegnoso piano. Dopo un po’ di esitazione, la donna la prese e bevve. Evans bevve dalla sua . Entrambi lo finirono, e si guardarono intensamente. L’ex ispettore era costernato, non era successo niente alla donna. Eppure era convinto della sua colpevolezza. Era convinto della presenza del veleno. Tutto a un tratto l’uomo iniziò a sentirsi male, il suo viso divenne bluastro. Si accasciò a terra senza vita. L’infima chiamò il marito con voce disperata, urlando che era accaduta una disgrazia. L’arsenico era nella tazzina di Evans.

Valutazione del criminologo:
il 90% dei serial-killer sono uomini. Dietro il loro comportamento criminale non vi è apparentemente nessun tipo di movente. Spesso l’opinione pubblica, pensandola in questo modo, sminuisce il loro piano, che viene ideato come un progetto di “gran classe”, e che viene realizzato sempre con lo stesso modus operandi.
Dietro la natura compulsiva del seriale c’è un trauma (abuso, grande umiliazione), nella maggior parte dei casi avuto in età infantile.
Ecco perché sfidano la società; la sfidano perché spesso li ha rifiutati.
In questo famoso racconto, il seriale è una donna, più precisamente una “vedova nera”, ovvero una donna che uccide il proprio partner per ragioni economiche. Astute e seducenti, le vedove nere fanno parte della categoria “seriali organizzati”, e questo le rende pericolose e difficili da identificare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…