Passa ai contenuti principali

Napoli: Mattia 6 anni e l’albero malato - di Gennaro Capodanno

Oggi sono tornato in via Scarlatti, nei pressi dell’incrocio con via Aniello Falcone, strada quest’ultima dove nei giorni scorsi la caduta di un pino secolare ha causato la morte di una donna, per vedere se dopo il tragico evento fosse cambiato qualcosa, se per l’albero che “perde pezzi”, come avevo scritto anche sul mio blog, era stata intrapresa una qualche iniziativa.
Nulla, se non la comparsa di un foglio bianco affisso sul tronco, con il disegno di un albero con tanto di chioma verde, di quelli che anche noi da bambini abbiamo disegnato tante volte, l’albero come simbolo della speranza, della vita, con la seguente scritta: “ Attenzione sono malato, è palese potrei anzi sto perdendo i miei rami potrei ferirvi “ con l’ultima parola sottolineata due volte, e la firma: “ Mattia 6 anni “. Confesso che mi sono commosso pensando a questo esempio di civismo che viene da un bambino di sei anni, il quale, superando le pastoie burocratiche delle segnalazioni, che, peraltro, alla sua età non saprebbe fare, e l’inerzia di chi dovrebbe provvedere, dà voce al suo amico albero, ammalato, che si preoccupa di poter fare involontariamente del male a qualcuno, lanciando un appello ma anche un messaggio di speranza per il futuro di questa nostra martoriata Città.

Video al link: http://www.youtube.com/watch?v=GmxTQg64X0U




Gennaro Capodanno
Presidente Comitato Valori collinari - Napoli

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.