Passa ai contenuti principali

Lecce EuroCapitale della Cultura: 8 progetti

 Otto progetti per otto temi, il “Galilei-Costa” è con Lecce Capitale Europea della Cultura 2019
Pace, energia, ambiente, volontariato 2.0, mobilità, alimentazione sana, smart city e turismo, la scuola salentina mette sul banco le carte migliori. Anche dal basso, dai giovani, una spinta per l’ambito riconoscimento
Lecce – Non solo ha abbracciato la causa sul suo nascere, non solo ha accolto l’appello di Comune, Provincia e Ufficio scolastico, non solo ha organizzato due edizioni del Festival della Dieta Med-Italiana e altri eventi a suo sostegno, l’Istituto “Galilei - Costa” di Lecce ha preso talmente a cuore la candidatura della sua città a Capitale Europea della Cultura 2019 che ha deciso di mettere sul banco sia alcuni dei suoi progetti già consolidati che nuove e intraprendenti progettualità che possano, nell’insieme e anche se in piccola parte, contribuire a far comprendere quanto il Salento e i suoi giovani siano attivi, prolifici e dinamici.

Parte quindi dal basso questo nuovo impulso, dai giovanissimi, dalla loro volontà e dal loro impegno nel volere una città ed un territorio di respiro più ampio, più europeo. Una serie di idee e di progetti che, visti uno per uno, sono tutti degni di attenzione. Come già riferito, alcuni sono operativi da anni in diversi ambiti della “cultura” (pace e tolleranza, alimentazione sana e sostenibile, ecologia e gestione rifiuti, turismo) e hanno già contribuito nel concreto allo sviluppo del territorio e della sua immagine, mentre altri sono nuovi (smart citizens, energia verde, mobilità sostenibile e una nuova forma di volontariato 2.0) e prenderanno corpo il prossimo anno scolastico.

Questa una breve presentazione dei singoli progetti:

GPace - Giovani per la Paceun movimento nato nel 2008 a Lecce e promosso in tutto il Paese. Negli anni è riuscito a catalizzare l’attenzione di migliaia di giovani in ogni regione d’Italia sui temi della pace, della tolleranza e del rispetto reciproco. Ha realizzato la Bandiera della pace più grande del mondo, le campagne “Poster viventi” e “Uovo di Pace” e ha organizzato tre edizioni della “Giornata dei Giovani per la Pace”. www.gpace.net

Salento Libero dai Rifiuti e Salento EcoDay: in tema di rispetto per l’ambiente e gestione intelligente dei rifiuti, dal 2011 è attiva una campagna che si muove principalmente in tre direzioni, pulire il territorio (per cui sono state organizzate tre edizioni del “Salento EcoDay”), educare a non sporcare e incentivare il riciclo. www.repubblicasalentina.it/bastarifiuti

Alimentazione sana e sostenibile con la Dieta Med-Italiana: da oltre un anno e mezzo è attivo un programma per la divulgazione e la conoscenza dei benefici per la persona e per l’ambiente derivanti dal mangiar sano e dall’attività fisica. A sostegno della campagna sono state organizzate due edizioni del Festival della Dieta Med-Italiana, due edizioni di “BenvenOlio” e l’iniziativa “Ulivo millenario a Michelle Obama” – www.dietameditaliana.it/festival

Turismo innovativo con Rep. Salentina: a partire dal 2007 sono state ideate e realizzate un’infinità di iniziative con l’obiettivo di porre Lecce ed il Salento tra le nuove e più gettonate mete turistiche e che probabilmente hanno contribuito a far ottenere al Salento il titolo di “Territorio dell’Anno 2013”, tra cui “Formula 30-20-10”, “Salento Slow Life”, “Salento in 3D”, “Salento Animal Friendly”, “SalentoTerapia”  “Vado, l’assaggio e torno”, etc. www.repubblicasalentina.it –www.discoversalento.info

Smart Citizens in Smart Cities: tutti si impegnano a creare la “Smart City” ma chi si preoccupa di formare gli “smart citizens”? Questo è un nuovo ed originale piano formativo concepito per fornire sia ai giovani che agli adulti tutto il necessario “know what” e “know how” per potersi integrare nel migliore dei modi nel nuovo habitat creato dalle Smart Cities: connettività, interazione, interpolazione, etc.

Energy Fun Park e EdiSons: ideazione, progettazione e realizzazione di giochi fisici per bambini e per adulti capaci di trasformare i movimenti di gioco in micro unità di energia rinnovabile e “green”, allo scopo di arrivare ad implementare un vero e proprio parco giochi e divertimento nella città di Lecce capace di rappresentare una nuova e soprattutto divertente fonte di energia pulita.

Tecno Angels: è una nuova forma di volontariato giovanile definibile “2.0”, orientata a fornire semplici lezioni di base a persone anziane o poco inclini ad usare le nuove tecnologie per far sì che possano essere in grado di utilizzare il web per navigare, inviare e ricevere posta elettronica, partecipare ai social network e, in questo modo, stabilire ponti comunicativi con amici, parenti e nuove conoscenze.

Movimento 5 Selle: progetto che ha come scopo quello di rendere Lecce e tutti i comuni del Salento votati all’uso della bicicletta quale mezzo di trasporto prioritario in città.  Ad onor del vero, il Movimento 5 Selle ha già iniziato in questo fine anno scolastico a far parlare di sé e a seminare alcune delle attività previste per il prossimo autunno. www.movimento5selle.it

Immagini in alta risoluzione a richiesta.

Grazie per l’attenzione e per la gentile pubblicazione.


Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Galilei Costa”
Sempre un’idea avanti, …dal 1885
Dirigenza: 0832.397005 – Resp. Progetto: 0832.306014

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…