Passa ai contenuti principali

Il punto sul concorso DS in Lombardia - di Giorgio Ragusa

L’11 aprile 2013 il perito nominato dal Consiglio di Stato ha risposto alle domande postegli, affermando in sostanza che se le correzioni sono avvenute in un’aula munita di finestre allora le buste sono trasparenti, mentre  se i commissari  hanno corretto in un luogo senza finestre, illuminato con 2 neon da 18 watt, allora non sono trasparenti.
In base ai verbali della commissione, a partire dal 21 Marzo è stata corretta un po' meno di metà degli scritti presso l'Istituto Schiapparelli.
Le aule dell’Istituto Tecnico Commerciale “Schiapparelli - Gramsci” di Milano le finestre le hanno. Nelle aule 16 e 18, dove correggevano le 2 sottocommissioni, di finestre ce ne sono 3 e di grandi metrature. Sono le classiche finestre presenti nelle vecchie costruzioni. E lo Schiapparelli-Gramsci è una vecchia costruzione. Come ci ricorda il Manzoni essa era stata costruita nel 1489 ed era un ospedale importante della città. Negli anni della peste, nel 1630, contenne 16.210 malati. Per questo motivo, le finestre erano state costruite tangenti al soffitto, che sfiorano delicatamente con un arco. Quelle finestre oggi nessuno ha modo di oscurarle. Non ci sono persiane, né tapparelle. Solo tendine bianche che svolazzano dentro le aule che lo scorso anno accoglievano gli stremati commissari e che oggi ospitano i genitori per il ricevimento settimanale con i docenti. Sul soffitto non ci sono 2 neon da 18 Watt, ma troneggiano 6 ampie plafoniere con 3 lampade al neon ciascuna. Insomma 18 neon in aggiunta alle 3 grosse aperture.
Quando le commissioni correggevano in quelle aule c’era tanta luce e tanto benessere per consolare dei commissari pagati 50 centesimi di euro per ogni compito da correggere. Dai verbali si evince che  iniziavano a correggere alle 8,11 del mattino e terminavano alle 20,05. Correggevano 68 elaborati di 7 pagine ciascuno in un giorno. Questi atleti della correzione lottavano per raggiungere il traguardo delle immissioni in ruolo per il 1 settembre 2012. Contro quei tempi da guinness aveva lottato uno fra loro, lamentandosi di non “poter garantire un lavoro professionalmente adeguato”. Il commissario in questione si era in seguito dimesso sostenendo di non poter assicurare “l’interesse dei candidati, che hanno diritto a un’equa valutazione”.
Il giudice, per decidere se confermare l’annullamento sentenziato dal TAR Lombardia, ha avuto bisogno di una perizia fatta da un professionista terzo che certificasse la trasparenza delle buste. Adesso che la perizia è giunta la conseguenza sembra ineluttabile.
Che le buste fossero trasparenti era già stato stabilito il 17 luglio scorso da tre giudici del TAR e lo avevano sottoscritto tutti gli avvocati, compresa l’avvocatessa dello Stato, firmando il documento attestante la trasparenza delle buste.
Anche se non ci fossero le famigerate buste trasparenti, ci sarebbero tanti altri motivi per l’annullamento del concorso DS lombardo. Ad esempio, le commissioni scrissero sui verbali che il presidente Dalmasso, mentre le due sottocommissioni operavano in parallelo e in aule diverse, faceva la spola avanti e indietro tra le due aule. La stessa violazione è accaduta durante le prove orali che, dunque, non potrebbero essere salvate. Per gli stessi motivi la Corte di Giustizia Amministrativa di Sicilia, nel 2007, aveva annullato il concorso per Dirigenti Scolastici del 2004. Per gli stessi motivi il TAR della Toscana ha pronunciato, il 19 aprile 2013, una sentenza di annullamento.
Cosa accadrà se il 4 giugno prossimo il CdS confermerà l’annullamento già disposto dal TAR? Tutti gli atti successivi alla prova preselettiva saranno bruciati nella stufa dell’amministrazione. L’unica cosa che sopravviverà sarà l’elenco dei candidati che hanno superato quella prova, l'unica oggettiva e regolare, come confermato ormai da varie sentenze del TAR Lazio. Probabilmente, a quel punto, la politica potrebbe intervenire per sanare la situazione lombarda, ma non certo affidando agli ex idonei un incarico dirigenziale provvisorio, poiché l'annullamento delle prove scritte ed orali farà venir meno definitivamente qualsiasi distinzione fra gli ex idonei e gli altri candidati che hanno superato la prova preliminare. Le soluzioni potrebbero essere tante, ma vista l'urgenza di assumere i nuovi DS prima del 1° settembre 2013 e visto che anche le prove orali sono nulle poiché avvenute in violazione del principio del collegio perfetto, la più semplice soluzione potrebbe essere l'emanazione di un decreto legge  che consentirebbe la copertura di tutti i circa 700 posti vacanti di DS in Lombardia nel 2013-14,  mediante una graduatoria formata sulla base dei titoli e del punteggio della prova preselettiva.

Commenti

  1. Basta disinformazione! Lo sanno tutti che le correzioni sono avvenute nei locali dell'USR, mentre allo Schiapparelli si sono svolte le prove orali. Lo dicono anche i vostri avvocati! Speriamo che il 4 giugno si giunga a sentenza, quale che sia, così i proff. Gaudio, Ragusa e tutti gli altri che non hanno superato gli scritti si metteranno il cuore in pace. Tanto se il CDS dovesse confermare la sentenza del TAR, il concorso non verrà rinnovato (la vostra è solo una pia illusione), si aprirà solo la strada agli idonei delle altre regioni. Quindi cosa sperano di guadagnare i ricorrenti appellati?

    RispondiElimina
  2. Al prof. Daniele Chiffi vorrei sommessamente far notare che esiste una cosa che si chiama legalità. Credo sia questo l'obiettivo che sta a cuore all'estensore dell'articolo, ma capoisco tutti coloro che non sono sensibili a questo argomento... oramai nel nostro Paese la legalità è diventa un optional!

    RispondiElimina
  3. A me che sono "idoneo di altra regione" potrebbe andare anche bene un finale come quello ipotizzato dal prof. Chiffi, ma mi risulta che sia stato chiarito e confermato da sentenze (su altri concorsi analoghi) che il concorso è su base regionale. D'altra parte, se fosse esteso a tutta la nazione, come potrebbe essere possibile una fusione di graduatorie con punteggi nati da persone e griglie di valutazione diverse? Io credo che parlare tanto serva a poco, aspettiamo e vedremo.

    RispondiElimina
  4. Non intendo fare polemica e riconosco il diritto costituzionalmente garantito di ricorrere per un interesse legittimo. Quello che evidenzio è la disinformazione che viene fatta a più riprese non solo su questo blog ma anche su siti che hanno una certa tradizione in fatto di cultura scolastica. Aggiungo anche il tentativo di far passare gli idonei come i "raccomandati di turno", il che è molto spiacevole tenuto conto che le vere vittime di questa situazione siamo proprio noi idonei. Aspettiamo la sentenza del CDS per capire se questo pasticcio tutto italiano finirà e come.

    RispondiElimina
  5. I verbali delle sottocommissioni confermano che dal 21 marzo gli scritti sono stati corretti allo schiapparelli. In ogni caso anche gli uffici dell'USR hanno le finestre, visto che uffici pubblici senza finestre sarebbero illegali. Io non ho nessun interesse personale da difendere, poiché non sono più interessato a quel concorso. Difendo la verità dei fatti che è al di sopra di ogni interesse particolare.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Il canto dell’usignolo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto VII - ottave 32-37
Prima parte. Canti I-IV. La prima parte tratta dell’innamoramento di Venere e Adone. - Cupido, per vendetta, fa in modo che la madre si innamori di un mortale, Adone, approdato nell’isola di Cipro: dapprima Venere si innamora di lui vedendolo addormentato sulla spiaggia dove è approdato; in seguito Adone si innamora a sua volta di Venere, dopo aver curato una ferita alla gamba.   - Dopo l’innamoramento, tre personaggi, Cupido, Clizio e Mercurio si occupano dell’iniziazione di Adone, attraverso una lunga serie di esperienze estetiche. Seconda parte. Canti V-XI. In questo gruppo di canti viene descritta l’iniziazione di Adone.  - innanzitutto vi è l’iniziazione ai piaceri dei sensi: Adone viene condotto attraverso il giardino del piacere;  - quindi si passa alle delizie dell’intelletto e delle arti;  - infine Adone viene avviato alla scienza moderna; Al termine di queste esperienze Mercurio può celebrare il matrimonio tra Adone…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …