Passa ai contenuti principali

Giulio Andreotti: ecco perché mancherà l'ironia dalla politica


Da sempre, ho apprezzato, fra i vari testi di letteratura che mi è capitato di leggere, quelli particolarmente ricchi di ironia, come quelli di Svevo, Calvino o Manzoni, per restare nell'ambito della letteratura italiana, mia materia principale di studio. Questa stessa qualità la ritrovavo nelle dichiarazioni di Giulio Andreotti, e non l'ho più ritrovata fra i politici della nuova repubblica. Secondo me quell'ironia non dimostrava trascuratezza, ma capacità di saper ridere degli altri e di sé, autoironia, spesso, qualità che qualcuno dovrebbe imparare, ed in questo modo forse colpirebbe molto più che con l'indignazione. Anche il senso dello Stato mi sembra che manchi, soprattutto in quelli che, magari a ragione criticano i politici, ma poi, una volta eletti e, di fatto, diventati tali, antepongono la loro facciata di polemici, al bene della Nazione. Ecco un altro motivo che mi fa rimpiangere Giulio Andreotti: il fatto che io lo ritenga erede di De Gasperi, cioè erede di un modo di pensare la politica che non si ferma al contingente, ma ha uno sguardo più ampio, che vede avanti nell’interesse della gente, poi, perché credo che nessuno come Alcide De Gasperi abbia aiutato gli italiani a crescere nel benessere e nel consesso internazionale. Io non so Andreotti è andato nella tomba con dei segreti: come ha detto Franco Marini ieri sera, spero di no, ma una cosa è certa: adesso questo è l’ultimo dei problemi. Il vero problema è raccogliere il suo insegnamento, realizzato all’epoca per esempio del governo del 1976, per il bene del paese, a fare, e non a dividerci.
Luigi Gaudio

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.