Passa ai contenuti principali

Il Regolamento Valutazione ci avvicina all’Europa - di Paola Tonna (APEF)


Pochi giorni fa, avevamo definito autolesionismo l’eventuale rinvio, da parte del governo, dell’approvazione del regolamento sulla Valutazione, poiché siamo convinti che, seppure in fine legislatura e con alcune evidenti criticità, il regolamento è comunque la base per affrontarle e apportare in futuro gli opportuni miglioramenti.
Nella convinzione che non è certo ignorando ogni volta ciò che è già stato fatto e ricominciare da capo a seconda del governo di turno, che si può migliorare la scuola in tempi rapidi, ma solo analizzando i risultati, superando i condizionamenti e i preconcetti che da più parti ancora si sollevano riguardo alla valutazione.
E’ del resto pleonastico aggiungere la considerazione che la “liquidità” della situazione politica futura ne avrebbe, per evidenti motivi, diluito a dismisura i tempi di attuazione. Bene ha fatto quindi il governo ad aggiungere questo tassello, atteso dal 2001, che forse agevola il cammino verso l’autonomia delle scuole dato che questa non può esistere senza il prerequisito della valutazione dei suoi processi. Questo Regolamento, anche se tutto da attuare, oltre a rispondere alle sollecitazioni dell'Europa ci consentirà anche di poter fruire dei circa 30 miliardi di fondi UE per l'istruzione, in bilancio per il 2014-2020.
Alle considerazioni positive, fatte in premessa, dobbiamo tuttavia affiancare le falle più evidenti che andranno quanto prima colmate.
L’assenza di finanziamenti: si legge all’art.2, comma 5, la solita clausola che prevede i “..senza oneri aggiuntivi per la finanza pubblica”. Siamo alle solite, non si può pensare che mettere in piedi un sistema di controllo, valutazione e azioni di miglioramento per circa 8000 istituzioni scolastiche si possa fare a costo zero.
Ogni Nucleo di valutazione prevede, inoltre, la presenza di due esperti esterni che non è previsto che saranno volontari…
L’autovalutazione e la partecipazione della scuola è, inoltre, una parte consistente del processo ma, tradotto in pratica, vuole comunque dire lavoro in più per docenti. Come fare a tirare la coperta, ormai risicatissima, dei Fondi d’istituto, dati ormai in via estinzione e con i contratti bloccati fino al 2014?
Manca la terza gamba degli ispettori: Visto il “peso” del compito affidatogli e cioè guidare i nuclei di valutazione esterna che dovranno monitorare tutte le istituzioni scolastiche del regno, è pura follia pensare che possano bastare gli attuali 35 ispettori in servizio più i 75 ammessi agli orali, che entreranno nei ruoli quando finalmente verrà concluso il concorso per il loro reclutamento, iniziato nel 2008 e tuttora in alto mare.
A.P.E.F.
Roma, marzo 2013

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…