Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2013

Il cardinale Jorge Mario Bergoglio e il cardinale Federigo Borromeo

Don Mario Peretti, un mio amico prete argentino, ha raccontato in una recente intervista il suo rapporto con il Papa Francesco, quando ancora era Cardinale in Argentina, e la cosa mi ha fatto venire subito in mente l'inizio del cap. 23° dei Promessi Sposi. Come il cardinale Federigo Borromeo dice all' Innominato: "M'è un rimprovero ch'io mi sia lasciato prevenir da voi; quando, da tanto tempo, tante volte, avrei dovuto venir da voi io", così l'allora Cardinal Bergoglio cercava la gente nei mezzi pubblici. Racconta Don Mario, che quando lo invitarono a presentare un libro gli offrirono di andarlo a prendere con un'automobile, lui invece decise di prendere un mezzo pubblico, e fu contento di incontrare una donna che desiderava confessarsi, e che poi effettivamente si confessò da lui. "Ecco, vedete" - disse l'allora Cardinale Bergoglio - "se avessi accettato di essere accompagnato in auto, non avrei incontrato quella persona desideros…

Dio ti benedice e ti vuole bene - di Luigi Gaudio

Lo stile di Papa Francesco, la sua richiesta di tenerezza, sta contagiando tutti. Ad esempio mio fratello, don Savino Gaudio, prevosto della parrocchia SS. Pietro e Paolo di Corsico, nell'hinterland milanese, ha introdotto una bella consuetudine, cioè per coloro che non possono ricevere l'eucarestia (magari perché divorziati e risposati) un invito ad accostarsi comunque all'altare con le braccia incrociate sul petto (anche i bambini che non hanno ancora ricevuto la prima comunione). Il sacerdote a quel punto impone le mani sulla testa di quella persona dicendo "Dio ti benedice e ti vuole bene". A me questo sembra un esempio di amorevolezza e di comunione da segnalare. Grazie, fratello mio !

Forza, Saggi, l'Italia è con voi !

Come sta accadendo purtroppo da troppo tempo, l'unico uomo politico che dimostra ragionevolezza nel nostro paese è il Presidente della Repubblica. Gli insopportabili veti e le preclusioni hanno impedito che si realizzasse il governo che di fatto gli italiani hanno richiesto con il loro voto, cioè una grande coalizione, e così si è dovuto giocare in prima persona il Presidente, che, come sempre, ha dimostrato acume, nominando 10 saggi, tra cui sono orgoglioso ci sia anche un mio amico di Università, cioè Mario Mauro, nella foto, ex vicepresidente del Parlamento Europeo. Coraggio, allora, perché la situazione è critica, e l'Italia ha bisogno in tempi brevi di un governo e di una figura imparziale come nuovo Presidente della Repubblica.

La speranza nell’arcobaleno - di Giusi Vianello e Giancarlo Tettamanti

Ci ispiriamo al titolo di un libro: “L’attesa dell’arcobaleno in un orizzonte oscuro” che ci offre l’occasione per riflettere e per orientare il proprio sguardo di speranza al cambiamento, partendo dall’affronto di situazioni, considerazioni, problemi, prospettive.

Replica ad un Dirigente Scolastico - di Lucio Garofalo

Di recente ho letto un post scritto da un Dirigente Scolastico, il quale oppone una serie di obiezioni critiche alle mie esternazioni sull’autonomia scolastica. Onestamente, confesso di aver riscontrato spunti interessanti e validi per sviluppare ed approfondire ulteriormente il mio ragionamento. Per cui provo ad esplicitare meglio le mie posizioni.

Il paradosso delle certificazioni ECDL e Simili - di Pietro Trematore

Nel corso dell’ultimo decennio si è andata consolidando  in  Italia e ancor prima in Europa la cultura  della “certificazione delle competenze” (Regolamento sull’Autonomia Scolastica DPR 275/99 , ma prima ancora si fa esplicito riferimento alle certificazioni delle competenze nell’Accordo  per il Lavoro del 93  e  successivamente nell’art. 68 della L. 144/99 e poi ancora  la L. 53/2003  e successivamente  i Modelli di certificazione delle Competenze  al termina della Scuola Primaria e al Termine del 1°  Ciclo d’Istruzione DM 84/2005.

Sir. Tim Berners Lee, Inventore del Web, al Muse di Trento in occasione degli Ict Days

Nel futuro Museo delle Scienze di Trento, l'informatico britannico ha incontrato il pubblico nel corso dell'intervento "Una finestra sul futuro". Nella lobby disegnata da Renzo Piano e gremita di persone, l'informatico inglese (57 anni, insignito nel 2004 del titolo di Knight Commander of the British Empire dalla regina Elisabetta II per i meriti scientifici e oggi docente al Mit di Boston) ha sottolineato come "...per risolvere i grandi problemi del mondo - dal surriscaldamento globale ai problemi politici - sarà necessario condividere conoscenze ed esperienze e questo richiederà una sempre maggiore partecipazione globale. Il web è lo strumento che ci aiuta a entrare in contatto con altre comunità, con altre persone, che ci aiuta ad allargare la nostra conoscenza..."

Non è ancora primavera - di Laura Alberico

Aspettare il tempo migliore avvertendo ogni giorno che il sole e' ancora indeciso a mostrare la sua forza,coperto dalle nuvole che sembrano offuscare pensieri e realtà, sentimenti e convinzioni. Stagioni sempre più strane con piogge che non lasciano spazio al desiderio del calore  che riscalda l'anima e il corpo, entità purtroppo divise e in cerca di nuove sicurezze.

Presidi, concorso beffa: periti al lavoro da mesi ma la busta è trasparente

Riportiamo qui sotto l'articolo del Giorno del giorno 23 marzo, (link di origine: fonte)

La prova de Il Giorno: una busta e un cartoncino come quelli adoperati dal provveditorato. Ma i nomi si leggono in trasparenza
di Luca Salvi

L’autonomia dai “presidi-manager” - di Lucio Garofalo

Nella mia carriera professionale ho incontrato soprattutto due generi di capi d’istituto. La prima categoria, forse la più diffusa nel mondo della scuola, è quella del preside “hitleriano”, o dispotico, che gestisce l’istituzione in modo autocratico e verticistico, scambiando l’autonomia scolastica per una tirannide individuale e considerando i rapporti interpersonali in termini di supremazia e subordinazione.

Un nuovo libro sulla scuola di Luigi Gaudio

C'è chi scrive che la scuola è finita, chi scrive che la scuola si è rotta, ma qual è il modello di scuola a cui si fa riferimento? E se cercassimo lumi da qualcuno, un italiano, che ci ha saputo insegnare come funziona una organizzazione da ben 1500 anni? Un e-book su questo qui sotto (prezzo consigliato dall'editore 5,99 euro)
Link su iTunes
Link su Google Play
Link su Amazon

C'erano una volta Nilde Iotti e Pietro Ingrao

Erano tempi in cui il partito di maggioranza relativa, la DC, pur potendo fare diversamente, affidava la presidenza di una delle due camere al maggior partito di opposizione, per una garanzia del corretto agire democratico. Bei tempi, allora !

Cari deputati e senatori, prendete esempio dai cardinali

I cardinali in 25 ore hanno eletto con i due terzi un papa voluto da tutti, dimostrando un'unità non prevista da nessun vaticanista. I deputati e i senatori, rappresentanti di un terzo degli italiani, mettendoci qualche ora di più, hanno eletto un presidente della Camera e uno del Senato, senza trovare e neanche cercare quell'accordo super partes con gli altri, che rappresentano gli altri due terzi degli italiani, accordo che mi sembrava doveroso per l'elezione di cariche istituzionali così importanti. Cari deputati e senatori, prendete esempio dai cardinali, o almeno dall'unico uomo politico che mi sembra ancora tendere a questa unità, cioè il presidente Napolitano.

I segnali del tempo - di Laura Alberico

Leggere gli ultimi avvenimenti è come ripercorrere a ritroso la storia dell’uomo, spirito e materia, ideale e reale, il male e il bene che si uniscono e diventano il filtro di conoscenza e ragione, fantasia e concretezza di un mondo che nonostante tutto e senza avviso riesce ancora a sorprenderci. L’elezione del nuovo papa ha per incanto strappato il velo della nebbia che impedisce agli occhi, di credenti e laici, didistinguere forme e contorni di persone e cose, la strada per camminare verso la giusta e necessaria direzione.

VideoLezione su Dino Campana e analisi di una poesia di Dino Campana

Buste trasparenti Concorso DS Lombardia

Mi rendo conto di essere di parte, in quanto sono uno dei ricorrenti del Concorso Dirigenti Scolastici Lombardia, ma un ricorrente come me ha fatto una foto a una delle buste del Concorso, in possesso dei nostri avvocati, regolarmente acquisita tramite accesso agli atti, e volevo semplicemente farla vedere. Si tratta della immagine qui a fianco, effettivamente in controluce, ma pur tenendo conto del fatto che è in controluce, .... beh, non voglio commentare, lascio a ciascuno l'opportunità di trarre conclusioni e giudizi personali.
Luigi Gaudio

Il Regolamento Valutazione ci avvicina all’Europa - di Paola Tonna (APEF)

Pochi giorni fa, avevamo definito autolesionismo l’eventuale rinvio, da parte del governo, dell’approvazione del regolamento sulla Valutazione, poiché siamo convinti che, seppure in fine legislatura e con alcune evidenti criticità, il regolamento è comunque la base per affrontarle e apportare in futuro gli opportuni miglioramenti.

Concorso dirigenti scolastici, indagato il Provveditore di Caserta Maurizio Piscitelli

Sequestrati documenti in casa del provveditore e nei suoi uffici tra Caserta e Roma. Proseguono le indagini della Procura di Napoli
CASERTA - Una pioggia di esposti, molto circostanziati, che ha permesso alla Guardia di Finanza di Napoli di far partire l'inchiesta sul concorso per dirigenti scolastici in Campania.

Cinque domande a Beppe Grillo - di Carlo Giacobini

Il Movimento 5 Stelle ha l’indubbio merito di aver rafforzato, presso i Cittadini, le istanze di trasparenza nei confronti di chi si occupa della cosa pubblica, di chi entra o si candida a cariche politiche. La trasparenza deve valere per tutti! Il Palazzo deve essere di vetro. I Cittadini devono sapere.

Incontro con ragazze di una comunità di recupero tossicodipendenti

Silvio Cattarina Comunità "L'imprevisto" di Pesaro

I giudici molisani ancora contro l'accorpamento di classi - dell' Avv. Marcella Ceniccola

Nell'ennesima decisione, il TAR Molise insiste sui rischi che il sovraffollamento delle classi comporta per l’igiene e la salubrità delle aule intese quali luoghi di lavoro ai sensi dell’art. 30 del d.lgs. n. 81 del 2008, nonché alla luce della inderogabile necessità di garantire la gestione delle emergenze e la corretta evacuazione dall’edificio in situazioni di pericolo come accade in ipotesi di incendio e di eventi sismici.

Le vere priorità dell'Atto d'indirizzo di Profumo - di Paola Tonna (APEF)

Il ministro Profumo ha emanato l'Atto di indirizzo per 2013 come uno degli ultimi atti del suo dicastero e come eredità al suo successore. In esso sono contenute le 10 "priorità politiche" a cui si dovrà attenere l'attività amministrativa del Ministero nell’anno in corso (Vedere il testo allegato su www.apefassociazione.it).

Taglio degli stipendi d'oro - di Francesco Lena

Una proposta semplice, ma molto importante, alla nostra classe politica e di governo. In un momento di crisi economica e sociale, cosi drammatico, in cui sempre più cittadini sono senza un posto di lavoro, sono alla fame, non hanno più niente. Tagli agli stipendi d'oro e alle buone uscite milionarie, e ora di incominciare a mettere mano ai manager pubblici e privati, poi giornalisti, presentatori, conduttori di programmi TV, calciatori, allenatori, piloti di auto e moto da corsa e tante altre categorie di liberi professionisti privilegiate.

Chi ostacola la riqualificazione del lavoro del docente? - di Enrico Maranzana

Il problema organizzativo è emerso di prepotenza nel corso del dibattito sull’eleggibilità dei dirigenti scolastici. E’ stato chiesto a Stefano Stefanel, uno dei partecipanti alla discussione, di chiarire l’origine delle diverse opinioni espresse. Questa la risposta apparsa su Facebook: “Mi sembra impossibile dover spiegare che i decreti delegati sono  degli Anni Settanta e oggi siamo nel 2013. Non so, mi dica lei cosa devo dire”.

Stili di apprendimento: avere o essere? - di Laura Alberico

Esiste una cultura dell’avere e dell’essere, un modo di porsi di fronte alle informazioni ricevute, agli stimoli ambientali e alla costruzione delle proprie conoscenze. Gli alunni che tendono solo  ad immagazzinare nozioni e tecniche di studio sono orientati a raccogliere meccanicamente i contenuti disciplinari, a cristallizzare e a recuperare di volta in volta  ciò che la loro mente ha appreso.